calcio.sportrentino.it
SporTrentino.it
Serie C

Il Trento esce dalla Coppa ai calci di rigore

Il Trento non riesce a rialzare la testa in Coppa. La squadra di Bruno Tedino, con le seconde linee, perde ai calci di rigore contro l’Arzignano Valchiampo 5-4. Decisivi per i trentini gli errori dagli undici metri di Sipos, Di Cosmo e Ruffato. I gialloblù avevano come obiettivo principale riprendere morale dopo le due sconfitte consecutive con Fiorenzuola e Padova in campionato. Ritrovare quella compattezza che era stata alla base dei primi 2 mesi di stagione degli aquilotti. Il tutto è riuscito in parte. Con i trentini ad offrire poche occasioni agli avversari, ma senza costruire grandi trame di gioco. Lo 0-0 dei 120 minuti di gioco rispecchia fedelmente quanto visto in campo, in una partita avara di emozioni se non nel finale di garta. Gli aquilotti restano attenti dietro la linea della palla. Corti e quadrati in fase di non possesso. Ma anche poco incisivi in avanti. Gli errori in fase di costruzione sono molteplici. L’Arzignano Valchiampo è più predisposto a fare gioco, ma anche impreciso. Il ritmo si alza a sprazzi.

Bruno Tedino aveva bisogno di far rifiatare alcuni giocatori, ma anche la necessità di far mettere minuti nelle gambe a chi ha giocato meno in questo avvio di campionato. L’allenatore fa ampio turnover, con Pozzer al debutto tra i pali, con capitan Trainotti al centro per la prima volta in campo in stagione, al fianco di Garcia Tena, con Vitturini e al rientrante Vaglica sugli esterni. Primi minuti in maglia gialloblù anche per Ercolani come mezzala, insieme a Brevi e Di Cosmo. In avanti gioca Sipos supportato da Terrani e Anastasia.
Nel primo tempo ci provano Sipos ed Ercolani che non inquadrano lo specchio della porta. Dall’altra parte Pozzer è attento Su Baldè e Grandolfo.
Tedino a una decina di minuti alla fine fa debuttare i giovani Del Piero, classe 2007, nipote della stalla juventina Alessandro Del Piero e Ruffato, classe 2006. Proprio Del Piero ha l’occasione più limpida della gara, ma Pigozzo a due minuti dalla fine del supplementare salva i suoi deviando in angolo. Dal corner Di Cosmo mette di poco a lato. Dopo 14 calci di rigore a festeggiare è l’Arzignano Valchiampo, con l’ex Trento Pigozzo a neutralizzare l’esecuzione del giovane Ruffato.

Le dichiarazioni

«Sono contento per lo spirito messo in campo dalla squadra - spiega l'allenatore del Trento Bruno Tedino -. Mi sono piaciuti in ragazzi giovani per spirito. Quello che deve passare da questo match è che si sta lavorando bene, portando avanti la politica della società. Con giovani interessanti, compresi quelli dal settore giovanile. Sapendo che dobbiamo soffrire in certi ambiti. L’Arzignano Valchiampo è una squadra che fa un calcio aggressivo e dinamico, ma noi abbiamo concesso poco. Verso la parte finale della partita abbiamo anche sfiorato l’impresa con Del Piero e Di Cosmo. Da questa partita resta lo spirito, lo abbiamo ritrovato. Lo avevamo perso in questi ultimi giorni. Questo Trento ha coraggio e devo fare i complimenti al gruppo di lavoro. Per fare risultati di un certo rilievo bisogna soffrire. Coppa Italia snobbata? Quest’oggi hanno giocato ragazzi del 2006 e del 2007, questo non vuol dire che abbiamo snobbato la gara».

Tabellino

ARZIGNANO - TRENTO 0-0 (5-4 dopo i calci di rigore)  
Sequenza dei rigori: Centis (A) gol; Sipos (T) parato; Piana (A) gol; Sangalli (T) gol; Baldè (A) traversa; Di Cosmo (T) alto; Canato (A) gol; Vaglica (T) gol; Bordo (A) alto; Pasquato (T) gol; Milillo (A) gol; Obaretin (T) gol; Lakti (A) gol; Ruffato (T) parato
ARZIGNANO (4-3-1-2): Pigozzo; Cariolato, Molnar (33’ st Milillo), Campesan (6’ pts Piana), Gemignani; Zanon (27’ st Lakti), Casini (27’ st Bordo), Centis; Lunghi (22’ st Cazzadori); Baldè, Grandolfo (22’ st Canato). All. Bianchini
TRENTO (4-3-3): Pozzer; Vitturini (6’ pts Pedergnana), Garcia Tena (1’ st Obaretin), Trainotti, Vaglica; Ercolani (35’ st Ruffato), Di Cosmo, Brevi (6’ pts Sangalli); Anastasia (11’ st Pasquato), Sipos, Terrani (35’ st Del Piero). All. Tedino
ARBITRO: Catanzaro di Catanzaro (assistenti Farina di Brescia, Mambelli di Cesena; quarto ufficiale De Stefanis di Udine)
NOTE: spettatori 200 circa; ammoniti Zanon (A), Campesan (A), Brevi (T), Pedergnana (T) per gioco scorretto, il tecnico dell’Arzignano Bianchini per proteste. Angoli 12-4 Arzignano

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,578 sec.

Classifica

Notizie

Foto e video