calcio.sportrentino.it
SporTrentino.it
Serie C

Il Trento ci prova a Verona contro la Virtus

Obiettivo: ripartire di slancio. Dopo la sconfitta, la seconda nelle ultime 13 gare, nel turno infrasettimanale contro la Pergolettese, il Trento va a caccia di un risultato positivo per riprendere il proprio straordinario cammino nel girone di ritorno. Domenica pomeriggio (calcio d’inizio alle ore 17.30) i gialloblù scenderanno in campo al “Gavagnin - Nocini” contro la Virtus Verona nel match valevole per la 33esima giornata - la 14esima del girone di ritorno - del campionato di serie C. Il Trento è attualmente tredicesimo in classifica, in coabitazione con la Pergolettese, con 41 punti conquistati, in virtù di 11 successi (contro Pro Vercelli, Pro Patria e Lecco all’andata, Juventus Next Gen, Pro Vercelli, Sangiuliano City, Mantova, Triestina, Renate, Piacenza e Lecco al ritorno), 8 pareggi (contro Triestina, Arzignano Valchiampo, Piacenza, Pro Sesto e Novara all’andata, Arzignano Valchiampo, Pro Patria e Pro Sesto al ritorno) e 13 sconfitte (contro Juventus Next Gen, Sangiuliano City, Mantova, Renate, Pordenone, Pergolettese, Virtus Verona, Feralpisalò, L.R. Vicenza, Padova e AlbinoLeffe all’andata, Pordenone e Pergolettese al ritorno), con uno score di 37 reti realizzate e 36 subite.
La Virtus Verona occupa, invece, la sesta piazza - assieme a Padova, Renate e Arzignano Valchiampo - a quota 45 punti per effetto di 11 vittorie, 12 pareggi e 9 sconfitte, con uno score di 36 reti realizzate e 25 al passivo. Virtus Verona - Trento sarà trasmessa in diretta, in modalità Diretta Gol su Sky Sport (servizio a pagamento) e in diretta streaming integrale su Dazn (servizio a pagamento) ed Eleven Sports (servizio a pagamento) all’indirizzo www.elevensports.it.
Mister Tedino non potrò disporre degli infortunati Damian, Garcia Tena, Barison e Terrani e dei lungodegenti Cazzaro, Osuji e Brighenti e ha convocato 21 giocatori.

Virtus Verona

Fondata nel 1921, la Virtus Verona è la seconda realtà calcistica della città scaligera. Nel 2006 sale per la prima volta in serie D, conquistando nel 2013 il passaggio tra i professionisti dopo aver vinto i playoff nazionali. L’esperienza tra i “pro” dura una sola stagione, vista la retrocessione del 2014. Il ritorno in serie C è datato 2018 e la retrocessione del 2019 è “sanata” dall’immediata riammissione in categoria. Gli elementi di spicco dell’organico guidato dal presidente - allenatore Luigi Fresco, dal 1973 alla Virtus Verona, di cui è tecnico della prima squadra dal 1982, sono il portiere classe 1998 Sheikh Sini, dal 2016 alla Virtus e numero uno della nazionale del Gambia, il difensore Manuel Daffara (14 presenze in serie B con l’AlbinoLeffe, 311 presenze e 7 reti in serie C con Pavia, Nocerina, Perugia, Catanzaro, Lupa Roma, Ancona, Siracusa, Padova e Virtus Verona, il centrocampista islandese Emil Hallfredsson (178 presenze e 5 reti in serie A con Reggina, Verona, Udinese e Frosinone, 73 presenze e 1 rete con la Nazionale Islandese), il trequartista Domenico Danti, alla sesta stagione con la Virtus Verona (5 in serie C: 128 presenze e 31 reti e 1 in serie D: 25 presenze e 12 reti) ed ex Reggina e Vicenza in serie B (10 presenze), Cosenza, Ternana, Nocerina, Barletta e Albinoleffe in C (129 presenze e 20 reti) e gli attaccanti Juanito Gomez, ex Hellas Verona (88 presenze e 12 reti in serie A, 92 presenze e 25 reti in serie B, 26 presenze e 3 reti in serie C1), Triestina (8 presenze in serie B), Bellaria Igea (54 presenze e 9 reti in serie C2), Gubbio (89 presenze e 38 reti complessive in serie C), Cremonese (7 presenze e 1 rete in serie B), Sicula Leonzio (16 presenze e 2 reti in serie C) e Legnago Salus (30 presenze e 6 reti in serie C) e Michael Fabbro (ex Bassano Virtus in serie C - 89 presenze e 12 reti -, Siena (39 presenze e 3 reti in serie C), Pisa (20 presenze e 1 rete in serie B) e Chievo Verona (29 presenze e 2 reti in serie B). I colori sociali della Virtus Verona sono il rosso e il blu e la compagine scaligera gioca le gare interne allo stadio “Gavagnin - Nocini” (capienza: 1.500 spettatori).

Gli ex della partita

Saranno due gli ex della partita, entrambi tra le fila gialloblù. Si tratta del difensore Andrea Trainotti, che con la formazione veronese ha disputato quattro campionati, due di serie C (2013 - 2014 e 2018 - 2019) e due di serie D (2011 - 2012 e 2012 - 2013) per un totale di 129 presenze e 6 reti e l’attaccante Andrea Brighenti, ai box per infortunio, che ha vestito la maglia della Virtus Verona in serie D nella stagione 2007 - 2008 (30 presenze e 14 reti).

I precedenti

Eccezion fatta per la gara d’andata, due sono i precedenti in ambito professionistico tra le due formazioni. Trattasi delle sfide andate in scena nella scorsa stagione con successo gialloblu all’andata (1 a 0) e pareggio (1 a 1) nella gara di ritorno.
Sono, invece, sei i precedenti in gare ufficiali tra le due formazioni in serie D. Trento e Virtus Verona si sono affrontate nella stagione 2006 -2007 (doppio pareggio per 0 a 0), nella stagione 2008 - 2009 (successo gialloblù per 3 a 1 e vittoria veneta per 1 a 0) e nell’annata 2010 - 2011 (pareggio per 1 a 1 e vittoria per 4 a 2 della Virtus). La sfida d’andata, disputata lo scorso 19 novembre allo stadio “Briamasco”, si concluse con la vittoria per 2 a 0 della Virtus Verona con reti di Amadio e Gomez.

fonte Ac Trento
© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 1,172 sec.

Classifica

Notizie

Videoclip