SporTrentino.it
Serie C

Alessandro Fabbri resta in biancorosso

F.C. Südtirol è lieto di comunicare il prolungamento del contratto di Alessandro Fabbri. Il difensore romagnolo ha firmato un rinnovo annuale, con opzione per la stagione successiva.
«Mi fa enormemente piacere restare in biancorosso, - afferma - dove ho già trascorso due stagioni importanti dal punto di vista dei risultati, seppur diverse tra loro. Conosco questo ambiente, in cui mi trovo molto bene e in cui si sta sviluppando un progetto importante, che porterà ai traguardi desiderati. L’auspicio e la ferma intenzione sono di contribuire al costante processo di crescita del Südtirol, società bene strutturata sotto tutti i punti di vista. Quella terminata è stata per noi e non solo per noi una stagione anomala sotto tutti i i punti di vista. Per quanto ci riguarda, nel periodo più difficile, siamo riusciti a restare uniti e a lavorare, seppur a distanza, dimostrando compattezza anche in un momento surreale. Poi abbiamo potuto beneficiare degli impianti per gli allenamenti individuali, fino alla piena ripresa. L’epilogo è stato quello che è stato, ma questo è il calcio. Ora una breve pausa, poi di nuovo concentrati per contribuire a portare avanti i progetti dell’FCS».

Il giocatore romagnolo, 30 anni, è un esterno basso capace di poderose accelerate che spesso producono l’effetto di sfilacciare gli avversari. È capace di difendere e di offendere, su entrambe le corsie, facendo leva sulla velocità: contro il Carpi ha raggiunto la punta massima di 33 km/h.
Nato a Cesena, l’11 marzo 1990, residente a Rimini, 170 cm per 67 chilogrammi di peso forma, è un terzino ambidestro, non fluidificante vecchia maniera, ma giocatore duttile, che vuole essere utile alla causa in ogni situazione, leggendo costantemente ogni fase di gara.
È cresciuto calcisticamente nel settore giovanile del Rimini, disputando poi quattro stagioni consecutive - con una parentesi in Eccellenza - con la squadra romagnola Del Conca Morciano. Con il Santarcangelo, nella stagione 2010/2011 ho disputato 28 partite conquistando, a vent’anni, la promozione in serie C2, categoria nella quale ho disputato le due successive stagioni, totalizzando complessivamente 57 presenze e realizzando una rete. Le vicissitudini societarie hanno costretto, nella stagione 2013/2014, a ripartire dai dilettanti, dove ha ritrovato forti motivazioni per rimettersi in gioco e ricominciare l’ascesa. Lo ha fatto nel campionato di Eccellenza, con la formazione cesenate della Sampierana; 34 presenze e 6 gol, per poi salire in serie D e giocare col Mezzolara (25 presenze) e col Ribelle (37 presenze e 7 gol). Poi il Mestre, in serie D, dove è stato messo in condizione di diventare uno degli elementi-cardine della squadra. Un leader positivo. E’ stato uno degli artefici principali della vittoria nel campionato di quarta serie nella stagione 2016/2017. 32 presenze e 1 gol.
Punto di forza del Mestre anche nella stagione 2017-2018, in serie C, dove ha totalizzato 34 presenze e 2 gol (più 3 assist) in campionato, 2 presenze e 1 gol in Coppa Italia (quello segnato al Südtirol il 13 agosto 2017) e 1 presenza ai playoff, segnalandosi come uno dei migliori terzini del girone B per efficacia e continuità di rendimento. E’ arrivato in biancorosso nell’estate del 2018. Nella stagione 2018-2019 ha disputato 44 gare con la maglia dell’FCS: 38 partite nel girone B della serie C (2 reti e 2 assist) più 2 nei Play-off e 4 gare di Coppa Italia (1 rete).
Nella stagione 2019-2020 ha totalizzato 30 gettoni di presenza: 25 (1 assist) nel girone B della serie C più una nei Play-off, 3 in Coppa Italia Lega serie A (1 assist) e 1 in Coppa Italia Serie C. 2546’ giocati complessivamente.
Due anni fa ha conseguito la laurea magistrale in relazioni internazionali, con una tesi intitolata: “L’uso dello sport come mezzo diplomatico”: “Ho avuto modo di analizzare tante case history. Basti pensare alla diplomazia del tennistavolo nelle relazioni tra Cina e Stati Uniti. Lo sport non è solo un gioco o una competizione è un fenomeno sociale, che a certi livelli può segnare i destini delle persone, come ci insegna la storia”, sottolinea Fabbri.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,469 sec.

Classifica

Notizie

Videoclip