SporTrentino.it
Serie D

Il Trento batte la Luparense e torna capolista

Serviva una vittoria per riconquistare il primato della classifica. E la vittoria è arrivata. Il Trento ha superato 2-1 in trasferta la Luparense nel recupero della decima giornata del girone C di serie D e ha agganciato in vetta a quota 29 punti il Belluno. Un successo pesantissimo per gli aquilotti, che hanno ancora due partite da recuperare (contro Montebelluna e Manzanese) e la conseguente possibilità di mettere del margine tra sé e le dirette concorrenti alla promozione diretta in serie C.
La squadra di mister Parlato si è dimostrata compatta ed estremamente concreta. Capace di soffrire quando necessario e di colpire quando possibile. La prima volta con Gatto, che ha realizzato il rigore procurato da Aliù. La seconda volta con Belcastro, su assist dell’ispirato Caporali, che a fine match risulterà il migliore in campo. Nel mezzo c’è stata la rete di Chajari, che ha fissato il punteggio sul definitivo 2-1 in favore dei gialloblù, salvati da Cazzaro all’ultimo secondo di gioco. La parata del numero uno aquilotto vale quanto un gol.

La cronaca

Primo tempo
Le due formazioni scendono in campo con un modulo speculare, il 4-3-1-2, e danno vita a una partita vera fin dalle prime battute. In avvio la Luparense è più incisiva, ma il gioco - complici i tanti falli - è spezzettato e le occasioni latitano. La prima è per i locali e arriva al 14’, quando Venitucci raccoglie una sponda di Santi e calcia di prima intenzione: la sfera termina sul fondo, di poco alta sopra la traversa della porta difesa da Cazzaro.
Il Trento beneficia di quattro corner nel breve volgere di pochi minuti, ma non riesce a impensierire la retroguardia della Luparense. Il più pericoloso degli aquilotti è Belcastro, che prima prova a capitalizzare un bella combinazione con Pilastro scoccando un tiro a incrociare (murato da un difensore veneto), poi viene contrastato mentre cerca la botta vincente al termine di una ripartenza veloce. I padroni di casa replicano con un colpo di testa di Beccaro sugli sviluppi di un calcio piazzato, mentre dall’altra parte del campo a farsi notare è ancora Belcastro, che controlla la sfera e calcia di prima intenzione: la potenza c’è, ma la conclusione è troppo centrale per impensierire Corà.
Le azioni pericolose del Trento passano tutte dai piedi di Belcastro che, dopo una rete annullata a Venitucci per offside, al 38’ sorprende tutti battendo rapidamente una punizione. La palla è per Caporali, che da posizione defilata spara sull’esterno della rete.
La svolta arriva al minuto 44: Rivi controlla bene la sfera e serve Aliù, che penetra in area e viene fermato fallosamente da Baccolo. L’arbitro decreta il calcio di rigore, battuto da Gatto: palla a sinistra, portiere a destra e 1-0 per il Trento.
Nel finale di primo tempo Venitucci cade in area trentina e reclama il penalty. Il direttore di gara lascia proseguire e ammonisce per proteste il capitano della Luparense Rubbo.

Secondo tempo
L’avvio di ripresa è favorevole ai veneti, ma il diagonale di Santi non trova lo specchio della porta difesa da Cazzaro per questione di centimetri. Il campanello d’allarme scuote il Trento, che mette letteralmente alle corde i padroni di casa.
Al 51’ Gatto verticalizza improvvisamente per Aliù, che elude l’intervento del portiere ma, sbilanciato, non riesce a inquadrare lo specchio della porta, rimasta sguarnita. Poi è Rivi a rendersi pericoloso: il cross di Belcastro pesca al limite dell’area piccola l’attaccante gialloblù, che però non riesce a trovare l’impatto di testa con il pallone.
Il mister dei veneti Zanin opera un doppio cambio per dare linfa alla manovra offensiva della propria squadra, ma ad andare a segno è ancora il Trento. A propiziare il raddoppio è l’indiavolato Caporali, che s’invola sulla fascia destra, batte sulla corsa Zanella, elude l’intervento del proprio marcatore con una repentina sterzata e offre a Belcastro la sfera del 2-0.
Il trequartista gialloblù non sbaglia, coronando con la gioia del gol (pesantissimo) un’ottima prestazione.
I trentini sembrano in pieno controllo della partita, ma al 66’ Chajari la riapre: la sua conclusione da fuori area trova la deviazione di un giocatore del Trento, che mette fuori gioco Cazzaro, incolpevole nell’occasione.
La Luparense prova a riversarsi in avanti, ma la difesa aquilotta – compatta e ordinata - respinge ogni tentativo. Nel finale, ad agevolare le cose alla formazione di “patron” Mauro Giacca ci pensa Florian, che all’85’ recupera palla ma poi rifila una gomitata a Santuari: l’episodio non sfugge al direttore di gara, che punisce il giocatore della squadra locale con il cartellino rosso.
Il Trento può così limitarsi ad amministrare il vantaggio, ma nelle fasi conclusive del match rischia di gettare al vento due punti. Nel secondo dei cinque minuti di recupero, Santuari non capitalizza un contropiede in 4 contro 1 orchestrato da Aliù, sparando debolmente tra le braccia del portiere avversario.
Gol sbagliato, gol subito? A scongiurare la beffa ci pensa Cazzaro, che al 95’, due secondi prima del triplice fischio finale, compie un autentico miracolo, respingendo la deviazione volante di Santi su traversone di Finocchio.
Il Trento può tirare un sospiro di sollievo e brindare al settimo risultato utile consecutivo, nonché alla seconda vittoria in quattro giorni, dopo quella conquistata domenica a Campodarsego.
Domenica i gialloblù riceveranno la visita del Cartigliano. Lo faranno da primi della classe.

LA CLASSIFICA AGGIORNATA

Il tabellino

LUPARENSE – TRENTO 1-2
LUPARENSE (4-3-1-2): Corà; Al. Munaretto, Beccaro, An. Munaretto (41’ pt Severgnini), G. Zanella (37’ st Menato); Rubbo (12’ st Finocchio), Chajari, Baccolo (12’ st Fracaro); Venitucci; Florian, Santi. All. Zanini
TRENTO (4-3-1-2): Cazzaro; Caporali, Trainotti, Dionisi, Tinazzi (7’ st Contessa); Trevisan (42’ st Galazzini), Gatto, Pilastro, Belcastro (25’ st Salviato); Aliù, Rivi. All. Parlato
Arbitro: Gangi di Enna
RETI: 44’ pt rig. Gatto (T), 13’ st Belcastro (T), 21’ st Chajari (L).
ARBITRO: Mauro Gangi di Enna (Gianluca Pischedda di Torino e Diego Peloso di Nichelino).
NOTE: espulso Florian (L) per gioco scorretto al 40' st. Ammoniti Trevisan e Tinazzi (T), Rubbo (L), Venitucci (L), Baccolo (L) e Severgnini (L). Corner 6-5 per il Trento. Recupero: 3’ + 5’.

Autore
Luca Franchini
© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,457 sec.

Classifica

Notizie

Videoclip