Serie D
giovedì 13 aprile 2017
CALCIO
La Virtus Bolzano cede le armi sul terreno del Caravaggio

Nonostante il gran gol di Bucchi, che si era rivelato utile per recuperare la rete del vantaggio locale firmata da De Angelis, in piena zona Cesarini la compagine di Lomi subisce il gol del ko con Careccia.

La cronaca


Alla vigilia di questo importante match, mister Lomi deve far fronte alle pesanti assenze determinate dalle decisioni del giudice sportivo che ha appiedato per due turni capitan Kiem e per un turno a testa Timpone e Majdi. Il tecnico srotola sul terreno bergamasco il 4-4-2, con Padovani, che va a comporre la prima linea difensiva accanto a Munerati, Romeo e De Simone. In mediana l’asse porta i nomi di Cremonini-Niang-Kaptina e Clementi, mentre in attacco Lomi tiene in panchina Bucchi inserendo Coulibaly al fianco di Hofer.
Nel primo tempo, dopo qualche minuto di studio, la cronaca comincia a vergare il taccuino all’8’ quando Kaptina perde palla a centrocampo, la verticalizzazione di Sonzogni favorisce di De Angelis sul quale c’è la tempestiva chiusura di Tenderini. Subito dopo Cremonini percuote la fascia e detta il cross in area sul quale però nessun bolzanino è pronto ad intervenire. Al 10’ c’è il calcio di punizione battuto da De Simone, la palla viaggia in mezzo all’area dove c’è lo sponda di testa di Kaptina per Coulibaly, il tornante però non si fa trovare pronto per agganciare l’opportunità.
Al 15’ Careccia scatena centralmente la falcata, effettua lo scarico per Calì, il cui tiro da fuori è indirizzato nel sette ma Tenderini è attento e, in acrobazia, devia in angolo. Il Caravaggio passa in vantaggio al 33’: Careccia semina il panico nella trequarti bolzanina saltando prima Clementi e successivamente Padovani, giunto al limite dell’area appoggia su Lamesta il cui tiro a giro sbatte sul montante, la sfera ricade in mezzo all’area dove è lesto De Angelis ad insaccare con un tapin. Al 40’ Il Caravaggio va vicino al raddoppio: Guercilena viaggia sulla fascia destra, salta Munerati e, da posizione decentrata, si presenta da solo davanti a Tenderini, il portiere è bravo a chiudergli lo specchio. La Virtus Bolzano ci prova al 42’ con il cross teso di Padovani sul quale Hofer arriva in ritardo. Fin qui il primo tempo.
Le squadre tornano in campo nelle medesime formazioni di partenza ed al 2’, sugli sviluppi di un calcio angolo, c’è il tiro da fuori di Lamesta che finisce tra le braccia di Tenderini. Al 4’ c’è un fallo subito da Coulibaly nella trequarti orobica, la punizione di De Simone sollecita il colpo di testa di Romeo che spedisce alto sopra la traversa.
Nel giro di un minuto (8’ e 9’) il Caravaggio mette paura alla retroguardia bolzanina, sempre su iniziativa dello scatenato Lamesta che offre a Calì due palloni invitanti che l’attaccante lombardo non riesce a sfruttare. Al quarto d’ora c’è la prima sostituzione in casa Virtus Bolzano con Bucchi che va a rilevare un acciaccato Padovani. 30’ De Simone lancio per Bucchi che controlla nella trequarti serve Koni che tira verso la porta, il portiere smanaccia e la palla finisce sull’accorrente Coulibaly che al momento del tiro perde l’equilibrio. Il pareggio arriva al 34’ quando Niang sradica la palla dai piedi di Pelizzari nella trequarti locale e detta l’idea per Bucchi appostato al vertice dell’area, l’attaccante si aggiusta la sfera e la spedisce nell’angolo basso del secondo palo. Gran gol! Il Caravaggio, però, torna in vantaggio al secondo minuto di recupero con il tapin di Careccia.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,469 sec.

Inserire almeno 4 caratteri