Hombre del partido
venerdì 30 settembre 2016
CALCIO
Luca e Tommaso Moser non vogliono fermarsi

I due Moser hanno steso la fortissima Anaune facendo volare la neopromossa Garibaldina. Tripletta per Luca, un gol di pregevole fattura per Tommaso nel frastornante 5 a 2 che ha steso l'ex capolista. Tommaso, classe 1995, e Luca, classe 1998, prelevati dalla Dolasiana nell'estate del 2015, grazie ad un'intuizione del direttore sportivo Alessandro Carpi, domenica scorsa sono stati letali, ma il loro ottimo lavoro in campo si è visto in tutte e quattro le prime gare del campionato di Promozione.
Tommaso, nella passata stagione, è stato importantissimo per la squadra di San Michele, andando in gol 15 volte e realizzando spesso reti decisive nella cavalcata che ha portato alla vittoria in Prima Categoria. Luca, invece, ha segnato con continuità nel campionato Juniores. Adesso i due fratelli goleador puntano ad una bella stagione con la Garibaldina, sperando di raggiungere il prima possibile la salvezza nel massimo campionato provinciale.

LE DOMANDE


1. Dopo il 5 a 2 con l'Anaune, la salvezza rimane l'obiettivo principale?
2. Il rapporto con mister Paolo Marignoli e l'ambiente Garibaldina?
3. Qual è l'obiettivo personale?
4. Se dovesse descrivere se stesso sul rettangolo di gioco, cosa direbbe?
5. Chi vincerà il campionato di Promozione quest'anno?


LUCA MOSER
1. «La salvezza è l'obiettivo vero e proprio, quello che ci siamo posti sin dall'inizio dell'anno. Noi vogliamo dare il cento per cento di partita in partita, sperando di raggiungere il miglior risultato possibile».
2. «Il rapporto è davvero buono. Il mister mi sta dando tanta fiducia e quindi mi trovo molto bene, come anche con il suo vice Marinelli. Mi danno sempre tanti consigli per migliorarmi. Ho un rapporto ottimo anche con compagni di squadra e dirigenza».
3. «In realtà quello che m'ero posto all'inizio era di giocare qualche minuto in Promozione. L'obiettivo personale adesso non lo ho, l'importante è dare una mano alla squadra».
4. «Un centravanti, un numero 9. Sono abbastanza tecnico».
5. «Penso che Benacense, Anaune e Mori Santo Stefano lotteranno fino all'ultimo minuto dell'ultima giornata».

TOMMASO MOSER
1. «La salvezza è l'obiettivo principale. Non vogliamo porci limiti, ma dobbiamo restare sempre con i piedi per terra».
2. «È indescrivibile, ma già dallo scorso anno, dirigenza e giocatori mi hanno fatto sentire parte di questo gruppo fantastico. Il mister continua a darmi sempre fiducia e per me è molto importante».
3. «L'obiettivo personale è quello di tutta la squadra: il massimo possibile. Il mio scopo è realmente dare una mano sempre. Se vinciamo anche senza i miei gol va bene lo stesso».
4. «Sono una punta veloce che mette la propria caratteristica principale al servizio della squadra».
5. «Ci sono un paio di squadre sopra tutte secondo me. L'Anaune e il Mori Santo Stefano lotteranno fino alla fine. Campionato equilibrato, lungo e difficile».

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,547 sec.

Inserire almeno 4 caratteri