calcio.sportrentino.it
SporTrentino.it
Serie C

Trento: Bocalon prolunga, oggi test con la Fiorentina

Riccardo Bocalon vestirà la maglia del Trento per altre due stagioni. Il club gialloblu ha infatti comunicato di aver prolungato di un'ulteriore stagione il contratto già in essere con il calciatore, che si è legato alla squadra del presidente Mauro Giacca fino al 30 giugno 2024.

La scheda di Riccardo Bocalon

Nato a Venezia il 3 marzo 1989, Bocalon è un attaccante centrale dall’imponente struttura fisica (183 cm x 75 kg), di piede destro e dalla grandissima esperienza in serie B e serie C.
Cresce calcisticamente nei settori giovanili del Venezia, per poi trasferirsi al Treviso con cui – a 18 anni – colleziona 4 presenze in serie B nella stagione 2007 – 2008.
Nel 2008 si trasferisce alla formazione “Primavera” dell’Inter, dove resta per una stagione, prima del passaggio – in prestito – al Portogruaro. Contribuisce alla promozione dei lagunari in serie B (33 presenze e 5 reti, comprese quella decisiva contro il Verona ai fini del passaggio di categoria e 1 nella finale di Supercoppa contro il Novara, più 2 in Coppa Italia) e resta in granata per un’altra mezza stagione nel torneo cadetto, totalizzando 13 presenze.
A gennaio 2011 passa al Viareggio (serie C1), dove gioca 16 partite mettendo a segno 8 reti, 3 delle quali nella sfida playout contro il Cosenza. Seguono le esperienze con Cremonese (18 presenze e 3 reti in metà stagione + 3 nella Coppa Italia di serie C), Carpi (9 presenze e 1 rete da gennaio a giugno 2012) e Südtirol (6 presenze e 1 rete nella prima parte della stagione 2012 – 2013 in un’avventura condizionata da un serio infortunio), prima del ritorno a Venezia a gennaio 2013. Con la formazione arancioneroverde gioca 14 partite e realizza 8 reti (2 delle quali nella finale playoff contro il Monza), conquistando la promozione dalla C2 alla C1 e, nella successiva annata nella Terza Serie nazionale, le presenze sono 29 con 17 reti realizzate (più 1 in Coppa Italia), che lo consacrano capocannoniere del torneo.
Nel 2014 passa al Prato nella serie C unica, disputando 35 partite e realizzando 16 reti, poi arriva il trasferimento all’Alessandria dove, in due stagioni, Bocalon scende in campo 74 volte, realizzando la bellezza di 36 gol in campionato e 3 nella Coppa Italia Tim nell’edizione 2015 – 2016: segna al Genoa negli ottavi di finale e una doppietta allo Spezia nei quarti di finale, con i piemontesi che raggiungono la semifinale dove affrontano il Milan.
Nel 2017 torna in serie B, alla Salernitana: con i campagni gioca per una stagione e mezzo nel torneo cadetto, scendendo in campo 55 volte e mettendo a segno complessivamente 15 marcature (10 + 5).
A gennaio 2019 Bocalon rientra al Venezia, sempre in serie B, dove resta per un anno con un bottino totale di 35 presenze e 6 reti.
Segue il trasferimento in prestito al Pordenone, ancora in serie B, (18 presenze e 4 reti nella seconda parte della stagione 2019 – 2020) e il terzo ritorno al Venezia: le presenze nell’annata 2020 – 2021 sono 30 con 3 reti, compresa quella decisiva nella sfida playout con il Cittadella che schiude ai lagunari le porte della serie A.
A febbraio 2022 approda in gialloblu, disputando 16 partite e mettendo a segno 7 reti, compresa quella nella gara di ritorno dei playout contro la Giana Erminio.
Il suo score complessivo recita 155 presenze e 27 reti in serie B, 249 presenze e 102 reti in serie C, 14 reti tra Coppa Italia Tim e Coppa Italia di serie C, 1 in Supercoppa di serie C.

Le parole del Direttore Sportivo Attilio Gementi

«È stato un prolungamento fortemente voluto da entrambe le parti. Sono arrivate diverse offerte per lui nel corso dell'estate, offerte alle quali il Club ha detto "no" e anche il giocatore ha manifestato la ferma intenzione di sposare il progetto gialloblu. Riccardo ha dimostrato di voler indossare ancora questa maglia per difendere i nostri colori e il Trento è felice di poter disporre di un attaccante che, come dimostrato nella sua carriera, fa la differenza in questa categoria. È arrivato a Trento a inizio febbraio dopo un lungo periodo d'inattività e, nonostante fosse fermo da diversi mesi, ha saputo realizzare 7 reti in 16 partite. Quest'anno, partendo dall'inizio, siamo convinti possa fare ancora meglio, considerando anche che sarà il fulcro del nostro reparto avanzato. Non ho dubbi che Bocalon saprà mettersi a disposizione dello staff e dei compagni con spirito di sacrificio e abnegazione, come ha già dimostrato nei mesi scorsi e nei primi giorni del ritiro estivo di Masen di Giovo».

L’amichevole di Moena contro la Fiorentina

Dopo sei giorni di ritiro a Masen di Giovo, venerdì 22 luglio alle ore 17 il Trento scenderà in campo per la prima volta in stagione per affrontare la Fiorentina. Sul campo in erba naturale del Centro Sportivo “Carlo Benatti” di Moena la compagine di mister Lorenzo D’Anna (uno dei due ex della sfida assieme all’esterno mancino gialloblu Federico Simonti) si toglierà il velo per quello che sarà il primo test match di un’estate assai intensa che vedrà Trainotti e compagni disputare complessivamente sette gare amichevoli.
Il match di Moena sarà l’occasione per vedere all’opera, per la prima volta con la maglia gialloblu, i nuovi acquisti Fabbri, Ferri, Cittadino, Mihai, Ballarini, Ianesi e Saporetti. Sono 24 i giocatori convocati dal tecnico aquilotto, tra i quali figurano anche i giovani Tommasi, Zandonatti, Dalla Francesca, Matteucci e Comper, tutti aggregati alla formazione maggiore per la prima fase di preparazione.
«Si tratta della prima uscita stagionale dopo quasi una settimana di ritiro - queste le parole del tecnico Lorenzo D’Anna - nel corso della quale abbiamo lavorato molto bene e con grande intensità. I carichi di questi primi giorni sono stati significativi e, dunque, sicuramente non ci sarà la brillantezza che, invece, dovremo avere tra un mese, quando prenderà il via la stagione ufficiale. Il nostro “timer” è regolamento sulla prima sfida di Coppa Italia, in programma il 21 agosto e sull'esordio in campionato della successiva settimana. Affronteremo la Fiorentina, una squadra di serie A che parteciperà alla prossima Conference League, dunque di ottimo valore, che è molto più avanti di noi nella preparazione. È naturale che faremo fatica ma, d’altronde, questi test servono proprio a questo, ovvero a “testare” lo stato di forma e il grado di apprendimento da parte della squadra delle nozioni tecnico - tattiche impartite in questi primi giorni. Cercheremo di mettere in pratica quanto abbiamo provato nel corso degli allenamenti sin qui sostenuti che, ribadisco, sono stati affrontati con grande abnegazione, disponibilità e attenzione da parte di tutti. L’affiatamento del gruppo è già molto buono e i nuovi si stanno integrando alla perfezione. Siamo solamente all’inizio del cammino, ma i presupposti sono decisamente positivi».

fonte Ac Trento
© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,531 sec.

Classifica

Notizie

Videoclip