calcio.sportrentino.it
SporTrentino.it
Varie

I trentini della Serie A di calcio

Nel calcio, come nella vita, qualcuno prima o poi riesce a emergere e a fare la differenza, grazie alla sua determinazione, alle sue qualità e a quel pizzico di fortuna che non guasta mai. E quei qualcuno sarebbero, nel nostro caso specifico, i trentini che sono riusciti e che riusciranno a giocare in Serie A. Esatto, in questo articolo parleremo di quei concittadini che onorano e che onoreranno tutto il Trentino amante del pallone, facendovi i loro nomi e cognomi a partire dal prossimo paragrafo in poi. Non stiamo più nella pelle, per cui andiamo al sodo.

Da Fiamozzi a Depaoli, passando per il gioiellino Pinamonti

Il primo nome della nostra lista è Riccardo Fiamozzi dell’Empoli, terzino destro di cui si parlava già un gran bene ai tempi in cui militava per il Mezzocorona, e ora pronto a giocarsi tutte le sue chance con la maglia biancoblu. E non sarà semplice, visto che il suo ruolo in campo è occupato stabilmente dall’ottimo Stojanovic, che si sta meritando la titolarità, almeno a giudicare dalle ultime prestazioni contro Bologna e Cagliari. Il campionato tuttavia è ancora lungo e l’ex Lecce e Pescara avrà sicuramente l’occasione per mettersi in mostra.
All’Empoli gioca anche il gioiellino Andrea Pinamonti, trasferitosi in Toscana dopo la sua non fortunata esperienza all’Inter, che lo ha costretto a estenuanti panchine. Quest’attaccante, forte fisicamente e molto abile a prendere posizione all’interno dell’area di rigore grazie anche alle sue lunghe leve, lo ricordiamo, è in prestito, perché ha bisogno di scendere in campo con continuità così da dimostrare quanto vale. Con i nerazzurri anche quest’anno molto probabilmente sarebbe rimasto a guardare ogni partita, dunque meglio che sia “emigrato” all’Empoli. Con Džeko, Lautaro, Correa e Sánchez d’altronde come si fa a ritagliarsi dello spazio?
E ora è il momento di Fabio Depaoli. Nato a Riva del Garda, questo giovane 24enne difensore della Sampdoria non vede l'ora di crescere con i colori blucerchiati addosso, tenendo alto il nome di tutto il Trentino. E siamo sicuri che ci riuscirà presto, considerando le sue caratteristiche di terzino destro abile nel recupero palla. Insomma, stiamo parlando di un calciatore con ampi margini di miglioramento, che potrebbe diventare presto il nuovo Bastoni, visto che come l'interista sa coprire ottimamente la zona di campo di sua competenza e sa colpire il pallone di testa. Se avremo ragione, presto potrebbe approdare in una big dove avrà un grandissimo seguito in termini di tifosi pronti a recarsi allo stadio per ammirarne le gesta.

Giuseppe di Serio il predestinato

Possiamo già mettere oggi la mano sul fuoco per lui, visto che sicuramente lascerà il segno in Serie A nel futuro prossimo. Stiamo parlando ovviamente del predestinato Giuseppe di Serio, che a 19 anni ha già debuttato nella massima serie, precisamente il 25 ottobre 2020 al 77° minuto al posto di Roberto Insigne durante la partita Benevento-Napoli. Questo classe 2001 ha meritato quel momento di gloria, perché è un centravanti che nonostante la giovane età sa già come fare per aprire il gioco per gli inserimenti dei compagni e al tempo stesso sa già come realizzare ottime sponde. Ci ricorda vagamente Džeko, essendo un calciatore altruista che si esalta all’interno del contesto di squadra. Ok magari abbiamo esagerato con il paragone, ma di Serio non solo ha bruciato le tappe ma ha tutte le carte in regole per diventare un top player. Diversamente non si spiegherebbe la sua convocazione con la Nazionale Under-20 italiana dello scorso agosto. Certo non bisogna mettergli troppa pressione, perché Giuseppe è pur sempre un ragazzo, che però già da bambino segnava valanghe di goal. Questa cosa all’epoca non è passata inosservata, visto che l’Hellas Verona prima e l'Alto Adige poi se lo sono assicurato quando ancora non era maggiorenne. Ne è passato di tempo da allora, tempo che è servito a di Serio per meritarsi ancora oggi, dopo più di 3 anni, la maglia del Benevento, con cui ha esordito in Serie A nell’ottobre del 2020.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,484 sec.

Classifica

Notizie

Videoclip