calcio.sportrentino.it
SporTrentino.it
Serie C

Al Breda il Trento muove la classifica grazie a Pasquato

La rete di Pasquato al minuto 92 consegna al Trento un pareggio meritatissimo: al Breda il match contro la Pro Sesto, valevole per la 16ª giornata d’andata, termina 1-1. Un incontro nel quale i gialloblù hanno creato molto, ma raccolto poco e incassato gol nell’unico vero tiro scoccato dai lombardi nello specchio della porta difesa da Chiesa. Un punto conquistato in extremis con le unghie e con i denti, fortemente voluto dalla compagine di mister Carmine Parlato, che si regala il quarto risultato utile consecutivo (2 vittorie e 2 pareggio) e sale a quota 20 in classifica, quando mancano ancora tre partite al termine della fase ascendente di torneo.

La cronaca

Per l’impegno in terra lombarda mister Carmine Parlato deve fare a meno dello squalificato Seno e degli infortunati Dionisi, Galazzini, Bigica e Comper e si affida ancora al “3-4-1-2”, già proposto nelle ultime giornate.
Davanti a Chiesa la linea difensiva è formata da Raggio, all’esordio dal primo minuto in campionato, Trainotti e Carini. In mezzo al campo Nunes detta i tempi della manovra con Osuji al proprio fianco, mentre sulle corsie esterne spazio a Caporali e Simonti con Belcastro in posizione di trequartista alle spalle del tandem offensivo formato da Barbuti e Pasquato.
Il match inizia a buon ritmo, ma senza particolari sussulti per i primi dieci minuti, ma all’11’ si vede il Trento: lancio dalle retrovie di Trainotti per Pasquato, che scappa in velocità, ma poi si allunga la sfera e viene anticipato in uscita dal Del Frate.
Lo stesso duello si ripete al minuto 22 con l’estremo difensore di casa puntuale al limite dell’area prima di Pasquato.
Al 26’ i gialloblù vanno vicini al gol: conclusione da fuori area di Belcastro e ottima risposta in tuffo del portiere lombardo, che vola sulla propria sinistra e devia.
Al 32’ Trento pericolosissimo: Pasquato s’incunea in area dalla sinistra e poi calcia con il mancino, con la sfera che sfiora il palo e termina la propria corsa sul fondo.
Passano sette minuti e sono i padroni di casa ad affacciarsi per la prima volta in area trentina: corner dalla sinistra e colpo di testa ad incrociare di Gattoni, la cui girata aerea termina di pochissimo a lato.
Il primo tempo si chiude con la squadra di Parlato ancora in avanti e nuovamente pericolosa: Pasquato sguscia sulla sinistra e crossa in area piccola, con la retroguardia della Pro Sesto che riesce ad anticipare in extremis Barbuti.

La ripresa si apre con il Trento in avanti e, dopo 120 secondi, i gialloblù vanno ad un soffio dal vantaggio: corner battuto da Pasquato, girata di Trainotti e palla che arriva sul secondo palo a Simonti che, da non più di un paio di metri, calcia a botta sicura, trovando la prodigiosa risposta di puro istinto di Del Frate.
Si cambia fronte e, alla prima vera conclusione in porta, la Pro Sesto passa in vantaggio, grazie alla girata vincente da centroarea di Capogna, che si coordina bene e infila la sfera laddove Chiesa non può arrivare.
Mister Parlato getta nella mischia Chinellato al posto di Osuji per una squadra ancora più a trazione anteriore. Al 68’ Barbuti va a terra in area dopo una spinta piuttosto vistosa, ma l’arbitro lascia proseguire, mentre al 72’ Pasquato cerca i pali con il mancino, ma Del Frate è ancora attento e respinge.
Entra anche Pattarello per Raggio e i gialloblù assediano l’area di rigore avversaria: al minuto 78 Pasquato sfonda sulla sinistra e poi crossa al centro, trovando ancora una volta l’opposizione del numero uno di casa.
Il tecnico aquilotto getta nella mischia contemporaneamente Oddi, Izzillo e Ruffo Luci al posto di Simonti, Belcastro e Nunes: il Trento attacca a pieno organico e, dopo un tiro cross di Caporali alzato in corner da Del Frate, al 92’ arriva il meritato pareggio: palla scodellata in area che arriva sui piedi di Ruffo Luci che calcia a colpo sicuro, il portiere lombardo compie un altro super intervento di piede, ma non può nulla sul tap in vincente di Pasquato, che è al posto giusto nel momento giusto e scaraventa la sfera in porta.
Non è ancora finita, perché al 95’ Pasquato ci prova su punizione da trenta metri: la sua “maledeta” si abbassa all’ultimo, sfiora la traversa e si accomoda sulla parte alta della rete.
Al “Breda” finisce 1-1 con il Trento che sale a quota 20 in classifica: sabato 4 dicembre (ore 14.30) terzultima gara del girone d’andata contro il Seregno allo stadio Briamasco.

Il tabellino

PRO SESTO - TRENTO 1-1 (0-0)
PRO SESTO (4-2-3-1): Del Frate; Maldini (31’st Giubilato), Pecorini, Caverzasi, Mazzarani (25’st Della Giovanna); Gattoni, Brentan (43’st Marzupio); Ghezzi, Marchesi, Scapuzzi; Capogna (31’st Gualdi). A disposizione: Bagheria, Capelli, Buongiorno, Grandi, Lucarelli, Motta, Cerretelli, Ferrero. Allenatore: Simone Banchieri
TRENTO (3-4-1-2): Chiesa; Raggio (31’st Pattarello), Trainotti, Carini; Caporali, Nunes (37’st Ruffo Luci), Osuji (16’st Chinellato), Simonti (37’st Oddi); Belcastro (37’st Izzillo); Barbuti, Pasquato. A disposizione: Cazzaro, Marchegiani, Ferrara, Scorza, Vianni. Allenatore: Carmine Parlato
ARBITRO: Andreano di Prato (Assistenti: Linari di Firenze e Bianchi di Pistoia. IV Ufficiale: Virgilio di Agrigento)
RETI: 4’st Capogna (PS), 47’st Pasquato (T)
NOTE: spettatori 200 circa. Campo pesante. Giornata fredda, tipicamente invernale. Ammoniti Brentan (PS), Capogna (PS), Gualdi (PS), Raggio (T), Simonti (T) per gioco falloso. Calci d’angolo 4 a 2 per la Pro Sesto. Recupero 0’ + 6’

fonte Ac Trento
© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,547 sec.

Classifica

Notizie

Videoclip