SporTrentino.it
Serie C

Trento autolesionista, con il Mantova un 2-2 che sa di beffa

Nel primo turno infrasettimanale della stagione il Trento rimedia un pareggio interno contro il Mantova, al termine di un match deciso dagli episodi, ma anche dalla scarsa pressione esercitata dai gialloblù dopo aver conquistato, in tempi davvero rapidi, il doppio vantaggio. Ieri sera la squadra di Parlato ha approcciato il match alla grande, ma, trovatasi sul 2-0 dopo 10 minuti, non ha saputo né arrotondare il punteggio e quindi blindare la vittoria, né gestire la situazione, così i lombardi si sono risollevati e nel finale, quando il Trento si è trovato in campo con nove uomini, anche in condizione di mettere a segno il colpo del ko. Sarebbe stato davvero troppo, per quanto visto in campo.

La cronaca

Gli aquilotti si schierano con lo stesso assetto che tanto bene aveva fatto a Vercelli tre giorni prima, il Mantova opta per una formazione aggressiva, con tre punte, dimostrando di non essere salito al Briamasco facendo troppi calcoli.
Subito dopo lo start è però la squadra di casa a menare le danze e già al 7’ punisce il primo errore dei biancorossi, intercettando un disimpegno e spedendo Barbuti verso la porta difesa da Tosi. La conclusione del bomber modenese viene respinta in angolo, dalla bandierina Simonti serve con precisione Caporali, che appoggia in porta, il pallone incoccia sul palo e rimbalza su Tosi prima di insaccarsi.
Tempo tre minuti e Barbuti si mette ancora in evidenza, scappando via di nuovo, per poi servire Pasquato, che fa nuovamente secco Tosi a tu per tu con lui. La sfida, che era cominciata dopo la cerimonia ufficiale di inaugurazione del “nuovo” (si fa per dire) Briamasco, è nelle mani del Trento, che però comincia troppo presto a ritirare le truppe e a gestire il doppio vantaggio. Il Mantova, ad onore del vero, non crea alcuna occasione da rete, ma mantiene l’iniziativa in una fase in cui colpi proibiti e cartellini gialli si susseguono con pericolosa regolarità.
Purtroppo, però, allo scadere del primo tempo, gli ospiti accorciano le distanze, grazie ad un’incornata di Milillo, che devia di testa alla destra di Cazzaro un preciso corner, rete che ricorda da vicino quella incassata a Vercelli domenica.
Anche nella ripresa il Mantova tiene in mano il pallino del gioco senza rendersi pericoloso ed anche nella ripresa gli episodi che si verificano nel finale puniscono il Trento. All’80’ Simonti si guadagna il secondo cartellino giallo per un plateale fallo su De Cenco, salutando anzitempo la compagnia e un attimo dopo, battuta la punizione, Barbuti spedisce la sfera dentro la propria porta. Un patatrac al quale fa seguito l’espulsione del neo entrato Chinellato (colpo con il braccio su Messori). Un bel finale.

Il tabellino

TRENTO – MANTOVA 2-2 (2-1)
TRENTO: Cazzaro, Dionisi, Trainotti, Carini, Simonti, Scorza (17’ st Ruffo Luci), Caporali, Izzillo (4’ st Osuji), Belcastro (41’ st Galazzini), Pasquato (41 st Pattarello) Barbuti (41’ st Chinellato). All. Parlato
MANTOVA: Tosi, Esposito, Chicchi, Milillo, Vaccaro (30’ st Agbugui), Messori, Zibert, Gerbaudo (30’ st Bertini), Piovanello (17’ st Zappa), Guccione, De Cenco. All Lauro+
RETI: 7’ pt autogol Tosi (M), 10 pt Pasquato (T), 45’ pt Milillo (M), 37’ st autogol Barbuti
ARBITRO: Zanotti di Rimini
NOTE: Espulsi Simonti al 36’ st per doppia ammonizione, Chinellato (T) al 43’ st epr gioco violento. Ammoniti Dionisi (T), Izzillo (T), Scorza (T), Guccione (M), Zibert (M), Tosi (M), Gerbaudo (M), Agbugui (M). Spettatori 750

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,484 sec.

Classifica

Notizie

Videoclip