SporTrentino.it
Serie C

La fantasia di Cristian Pasquato al servizio del Trento

Il Trento comunica di aver acquisito i diritti alle prestazioni sportive del calciatore Cristian Pasquato. Nato a Padova il 20 luglio 1989, è un attaccante dotato di grande tecnica e fantasia, in grado di agire sia in posizione di trequartista che come seconda punta, dalla buona struttura fisica (172 cm per 70 kg), di piede destro.

Interprete sopraffino dei calci piazzati, Pasquato cresce calcisticamente nei vivai di Padova e Montebelluna, prima di approdare, nel 2003, alla Juventus. Nel Settore Giovanile bianconero compie tutta la trafila sino alla squadra "Primavera", con la quale vince, nella stagione 2007-2008, la Supercoppa Italiana, segnando una rete decisiva nella finale contro l'Inter.
L'11 maggio 2008 esordisce in serie A, subentrando ad Alessandro Del Piero nel corso della sfida contro il Catania.
Successivamente viene trasferito in prestito all'Empoli con cui, in un anno e mezzo in serie B, totalizza 36 presenze e 1 rete, per poi passare alla Triestina, sempre nel torneo cadetto, nella seconda parte della stagione 2009-2010 (17 presenze e 1 rete).
Seguono le esperienze con Modena (40 presenze e 9 reti in serie B), Lecce (11 presenze in serie A da agosto 2011 a gennaio 2012) e Torino (3 presenze e 1 gol nella seconda parte dell'annata 2011 - 2021).
Nel 2012 viene trasferito in comproprietà all'Udinese, che lo gira in prestito al Bologna, dove disputa 15 partite e realizza 2 reti in serie A. Segue un'annata al Padova (37 presenze e 7 reti in serie B), il ritorno alla Juventus (che riscatta l'intera proprietà del suo cartellino) e i successivi prestiti al Pescara (37 presenze e 7 reti in serie B), al Livorno (19 presenze e 4 reti nella prima parte della stagione 2015-2016) e ancora al Pescara (15 presenze e 1 rete).
Nell'estate 2016 si trasferisce in Russia al Krylja Sovetov Samara con cui partecipa alla Premier Liga Russa (26 presenze e 5 reti) a cui fa seguito un'altra esperienza all'estero, in Polonia, nel blasonato Legia Varsavia, con cui in 15 mesi totalizza 30 presenze e 2 reti, vincendo il campionato polacco e la Coppa di Polonia.
Ad ottobre 2019 fa rientro in Italia e si accasa al Campodarsego in serie D (13 presenze e 4 reti), nell'annata conclusa anzitempo causa lo stop dei campionati per la pandemia legata alla diffusione del Covid-19, mentre nella stagione 2020-2021 indossa la maglia del Gubbio in serie C, disputando 20 partite e mettendo a segno 3 reti.
Il suo score complessivo recita 27 presenze e 2 reti in serie A, 204 presenze e 32 reti in serie B, 20 presenze e 3 reti in serie C, 26 presenze e 5 reti nella Premier Liga Russa, 30 presenze e 2 reti nella Ekstraklasa Polacca, 32 presenze nelle Nazionali Giovanili dall’Under 15 all’Under 21.
Cristian Pasquato indosserà la maglia numero 11.

Le dichiarazioni

«La trattativa è nata, di fatto, un anno fa, - spiega il giocatore - quando ho avuto modo di conoscere il Presidente e il Direttore Sportivo che mi hanno fatto capire che a Trento c'è un progetto serio e rivolto al futuro. Dodici mesi or sono la cosa non si è concretizzata, ma siamo rimasti sempre in contatto e adesso sono felicissimo di essere qui, a vestire la maglia di un Club prestigioso, con una storia centenari e che ha tanta voglia di crescere. Ho trovato sin da subito tanta serietà, un gruppo unito che lavora sodo e io cercherò d'inserirmi nel modo giusto, favorito anche dal fatto che conosco diversi ragazzi che sono qui, per aver condiviso con loro esperienze passate: voglio aiutare il Trento a raggiungere i propri obiettivi e metterò tutto me stesso in questa nuova avventura. La mia carriera? Sono contento del percorso che ho fatto, un rimpianto lo ho, ma adesso è il momento di guardare al futuro e voglio regalarmi tante altre soddisfazioni».
«Il Club ha voluto completare l'organico a disposizione di mister Carmine Parlato, - ha dichiarato Diego Cattoni - inserendo un profilo di alto livello e di grande esperienza, anche in campo internazionale. Cristian ha scelto di venire a Trento per sposare un progetto che si sta consolidando velocemente. Utilizzo questa metafora: il nostro Club è un treno in corsa che, con tanta umiltà, dedizione al lavoro, serietà e senza mai voler compiere il passo più lungo della gamba, vuole aumentare la propria velocità, correndo sui giusti binari. Su questo treno oggi è salito Cristian, giocatore che non ha ha bisogno di ulteriori presentazioni, che auspichiamo porti ulteriore energia per far sì che l'andatura aumenti ancora di più. Grazie a chi operato per far sì che questa trattativa si concretizzasse in poco tempo».

fonte Ac Trento
© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,484 sec.

Classifica

Notizie

Videoclip