Serie C
venerdì 10 maggio 2019
CALCIO
I playoff del Südtirol cominciano contro la Sambenedettese

Appena archiviata la regular season con un lusinghiero sesto posto finale in campionato, è già tempo di playoff per il Südtirol, che scende in campo questa domenica, allo stadio Druso (calcio d'inizio alle ore 15), per affrontare la Sambenedettese nel primo turno in gara unica e ad eliminazione diretta dei playoff di serie C.
I marchigiani hanno concluso il campionato al 9° posto con 50 punti, cinque in meno dei biancorossi, che sono reduci da tre sconfitte di fila, rimediate contro Renate (0-1), Imolese (2-0) e Monza (0-3), mentre la Samb ha vinto le ultime due partite della regular season, imponendosi con il medesimo punteggio (3-1) dapprima sul Gubbio (in casa) e poi sulla Fermana (a Fermo).
In casa il Südtirol ha conquistato in campionato 28 punti sui 55 complessivi per effetto di uno score di 7 vittorie, altrettanti pareggi e cinque sconfitte.
In trasferta la Sambenedettese ha ottenuto 16 dei 50 punti totali in seguito a 2 vittorie, 10 pareggi e 7 sconfitte.
Contro i marchigiani il Südtirol ha conquistato la sua ultima vittoria in campionato, lo scorso 7 aprile.
Per passare il turno la squadra di Zanetti non è obbligata a vincere, giacché in nome del regolamento che premia la squadra meglio classificata al termine della regular season, si qualificherebbe anche in caso di pareggio al termine dei novanta minuti regolamentari. In caso di superamento del turno, i biancorossi affronterebbero mercoledì 15 maggio il Monza, al Brianteo, nel caso in cui la squadra di Brocchi prevalga sulla Fermana, oppure la vincente di Ravenna - Vicenza, in questo caso al Druso, qualora sia la Fermana ad imporsi sul Monza.
Contro la Sambenedettese mister Zanetti non potrà certamente disporre degli infortunati Fink, Mazzocchi e Romanò (per il secondo stagione finita dopo essere stato operato al menisco). Prima convocazione stagionale per Crocchianti dopo il lunghissimo stop dovuto al recupero dalla lesione al legamento crociato di metà agosto scorso.

Gli avversari


La Sambenedettese, che nella sua quasi centenaria storia (è stata fondata nel 1923) vanta 21 partecipazioni al campionato di serie B e 22 al campionato di serie C1, milita per la terza stagione di fila nella terza divisione nazionale per importanza, dove ha fatto ritorno vincendo il girone F della serie D nella stagione 2015-2016. Nei due scorsi campionati di C la formazione marchigiana è arrivata rispettivamente settima e terza, alle spalle del Südtirol, qualificandosi quindi ai playoff in ambedue le stagioni (2016/2017 e 2017/2018): due stagioni or sono la corsa agli spareggi-promozione in serie B si è interrotta al secondo turno, mentre la scorsa stagione i rossoblu si sono spinti sino ai quarti di finale, dove sono stati eliminati dal Cosenza, poi promosso nel campionato cadetto.
Dal ritorno in panchina di Giuseppe Magi, la Sambenedettese ha cambiato marcia a livello di prestazioni e di risultati, conquistando di slancio l'accesso ai playoff. Nelle sei partite della gestione-bis di Magi, che aveva già diretto la squadra ad inizio stagione prima di essere esonerato, la formazione marchigiana ha conquistato 10 punti sui 18 a disposizione per effetto di uno score di tre vittorie, un pareggio e due sconfitte, quest'ultime rimediate – entrambe in trasferta - per mano proprio del Südtirol (2-1) e del Rimini (3-1).
L'ottimo stato di salute della Sambenedettese è testimoniato anche dal fatto che Stanco e compagni hanno vinto le ultime due gare di campionato, tre delle ultime quattro.
In campoionato la Sambenedettese ha segnato 40 gol e ne ha subiti altrettanti. Il top-scorer della squadra è Francesco Stanco con 12 reti (più due assist-gol), seguito da Ilari (6) e Calderini (5).
Nel 'mercato' di gennaio la Samb ha operato pochi ma mirati innesti, puntellando soprattutto il reparto difensivo con il mancino Matteo Fissore (dall'Alessandria) e con i giovani D'Ignazio (dal Napoli) e Scalera (dal Pescara).
Ma non mancano, sin da inizio stagione, i calciatori di qualità e di comprovata affidabilità nella categoria. Fra questi spiccano Vedran Celjak, difensore croato 'ex' Alessandria e Benevento, Cristian Caccetta, centrocampista 32enne che dopo tre stagioni a Trapani, l'ultima in serie B (27 presenze), ha militato nel Cosenza, nel Catania e – nella seconda parte dello scorso campionato di C – nel Pordenone, il trequartista/seconda punta Andrea Russotto, reduce da un triennio in C col Catania (80 presenze complessive e 13 gol) e già in A con Treviso (2 presenze) e Napoli (14 presenze) e in B con lo stesso Treviso, col Crotone e col Livorno, e l'attaccante Francesco Stanco, che ha trascorsi significativi in serie B (sette le stagioni fra i cadetti) con Modena, Cittadella e Cremonese.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,828 sec.

Inserire almeno 4 caratteri