Serie C
mercoledì 23 maggio 2018
CALCIO
Il Süditirol si testa contro la Virtus Bolzano

A distanza di una sola settimana dall'andata dei quarti di finale dei playoff - in programma mercoledì 30 maggio, con match di ritorno al Druso domenica 3 giugno - il Südtirol sosterrà domani, mercoledì 23 maggio, una amichevole con la Virtus Bolzano, squadra neopromossa in serie D dopo aver vinto a suon di record il campionato di Eccellenza.
Il significativo test-match si terrà allo stadio Druso, con calcio d’inizio alle ore 18.30 e con ingresso gratuito.
Per mister Zanetti l’amichevole con la Virtus è un’opportunità per testare le condizioni della squadra, che ha giocato l’ultima partita ufficiale domenica 6 maggio nel vittorioso match casalingo contro il Mestre, conquistando il secondo posto assoluto in campionato (miglior risultato di sempre per il Südtirol in C1) e qualificandosi direttamente ai quarti di finale dei playoff da testa di serie, al pari delle sole Siena e Catania, seconde classificate rispettivamente nei gironi A e C.
Ma l’amichevole con la Virtus Bolzano - organizzata appositamente a Bolzano, allo stadio Druso e in un orario comodo per un giorno feriale – è anche un’opportunità per i tifosi ed i simpatizzanti biancorossi di saggiare lo stato di forma della squadra di Zanetti, di rivederla all’opera dopo più di due settimane dall’ultima partita disputata e di trasmetterle quella spinta e quel calore necessari in vista di un appuntamento tanto importante come quello dei quarti di finale dei playoff, dove la gara decisiva, ovvero quella di ritorno di domenica 3 giugno allo stadio Druso, meriterà una grande cornice di pubblico.
Quella contro la Virtus Bolzano è una partita oltremodo amichevole, nel senso che i due Club – su intuizione dell'attuale Vice Presidente di FC Südtirol, Roberto Zanin, già Vice Presidente di Virtus Bolzano - hanno stretto da due anni a questa parte una collaborazione proficua che è andata sempre più consolidandosi e che è evidentemente destinata a proseguire anche nei prossimi anni.
«Più che di una collaborazione – spiega il Presidente dell’FC Südtirol, Walter Baumgartner – possiamo parlare ormai di un vero e proprio progetto sportivo condiviso per il bene del calcio altoatesino, per l'innalzamento qualitativo di tutto il movimento, per la crescita reciproca delle due Società, per la valorizzazione dei giovani di ambedue i settori giovanili. Col riconoscimento in prestito gratuito di molti dei nostri migliori prospetti del settore giovanile, vogliamo aiutare la Virtus Bolzano a trovare una dimensione solida e duratura in serie D, col vantaggio da parte nostra di poterci rivolgere ad un Club massimamente affidabile per far maturare al meglio i nostri giovani in un campionato formativo come la serie D. In tal senso due figure come Fausto Grandi e Alfredo Sebastiani, che sono stati per tanti anni nostri apprezzatissimi collaboratori, sono una garanzia per noi. Siamo inoltre felici di essere riusciti ad instaurare un legame così stretto con un Club storico della città di Bolzano, perché il Südtirol è orgoglioso di essere ambasciatore sportivo di tutta la provincia altoatesina e quindi anche del suo capoluogo».
«Poter contare sull’apporto dei giovani e talentati calciatori del Südtirol nell’allestimento della squadra che tornerà ad affrontare il campionato di serie D – commenta il Presidente della Virtus Bolzano, Robert Oberrauch – è un elemento rassicurante per noi. Il Südtirol è la massima espressione del calcio altoatesino, nonché un punto di riferimento, un modello ed un esempio da seguire e dal quale apprendere non solo sul piano sportivo, ma anche sotto il profilo organizzativo e gestionale. Siamo fieri della responsabilità che ci viene riconosciuta nella valorizzazione di molti giovani di prospettiva del settore giovanile biancorosso. In quest'ottica siamo anche certi che l'area sportiva che abbiamo allestito da un anno a questa parte, e che fa capo a due figure di grande spessore professionale come Fausto Grandi e Alfredo Sebastiani, abbia tutti i requisiti per garantire ai giovani del Südtirol una importante occasione di crescita e maturazione all'interno dell'organico della nostra prima squadra. Da parte nostra, come noto, abbiamo riconosciuto al Südtirol la prelazione sui giovani più interessanti e talentati del nostro vivaio che conta oltre 400 ragazzi. Ma quella fra Virtus Bolzano e Südtirol è una collaborazione estesa anche ad un interscambio di idee per favorire la crescita e lo sviluppo del movimento calcistico altoatesino, di cui il Südtirol è la Società-traino e la Virtus Bolzano un interlocutore privilegiato del club biancorosso e massimamente collaborativo».

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,484 sec.

Inserire almeno 4 caratteri