Serie D
sabato 14 aprile 2018
CALCIO
Al Briamasco arriva la Pro Patria, seconda della classe
fonte: Ac Trento

Dopo la corroborante vittoria di sette giorni fa sul campo della Grumellese, il Trento cerca un altro risultato importante per avvicinarsi prima possibile alla quota salvezza: nella 35ª giornata del girone B, al "Briamasco" gli aquilotti affronteranno la Pro Patria, seconda della classe e ancora in corsa per il passaggio di categoria, visto che i lombardi hanno quattro punti di distacco dal Rezzato, ma con una gara in meno. Esordio casalingo per mister Claudio Rastelli. Dirigerà la sfida Giuseppe Collu della sezione di Cagliari, coadiuvato da Giovanni Masini della sezione di Gorizia e Fabio Fabris della sezione di Pordenone.
Il Trento scenderà in campo con il lutto al braccio per ricordare Amedeo Citroni, grande tifoso gialloblù, scomparso prematuramente nei giorni scorsi.
Mister Rastelli ha convocato 21 giocatori per la sfida contro la Pro Patria. Assente Papa Dadson per squalifica, il tecnico gialloblù ritrova il difensore Filippo Carella e il centrocampista Marco Bortoli:
PORTIERI: Festa (99); Matin (98).
DIFENSORI: Badjan (99); Carella (98); Casagrande (91); Giacomoni (87); Kostadinovic (92); Sorbo (91); Toscano (98).
CENTROCAMPISTI: Appiah (93); Bacher (88); Bertaso (98); Boldini (92); Bortoli (94); Furlan (85); Paoli (97).
ATTACCANTI: Aperi (92); Bardelloni (90); Ferraglia (99); Pangrazzi (98); Zecchinato (90).

Gli avversari


La società venne fondata nel 1919 con il nome di Pro Patria ed Libertate, anche se gli albori del calcio bustocco risalgono addirittura al 1881 quando la Società Ginnastica Pro Patria et Libertate praticava - seppur in maniera non ufficiale - il calcio.
Nel palmares del sodalizio biancoblu ci sono ben 12 stagioni in serie A (dal 1929 al 1933, dal 1947 al 1953, dal 1954 al 1956). L'attuale denominazione, Aurora Pro Patria 1919, risale invece al 2009, dopo il fallimento della società che, nella stagione precedente, aveva raggiunto addirittura il secondo posto nel girone A di Lega Pro Prima Divisione, perdendo la finale playoff contro il Padova.?Gli elementi di spicco dell'organico a disposizione del tecnico Ivan Javorcic, ex calciatore professionista con le maglie di Hajduk Spalato, Brescia, Crotone, Treviso, Arezzo, Pizzighettone e Feralpi Lonato e poi tecnico nel settore giovanile del Brescia, Mantova (Lega Pro) e Pro Patria, per l'appunto, sono senza dubbio gli attaccanti Mario Santana e Giuseppe Le Noci.
Classe 1981, l'argentino Santana è arrivato alla Pro Patria a gennaio 2016 e ha al proprio attivo 13 stagioni in serie A disputate con le maglie di Venezia, Chievo, Palermo, Fiorentina, Napoli, Cesena, Torino e Genoa per un totale di 255 presenze e 28 marcature. Giuseppe Le Noci, invece, è approdato in estate alla Pro Patria, dopo una lunghissima carriera sui campi di serie C1 e C2, dove ha segnato qualcosa come 135 reti in 463 presenze con le maglie di Aglianese, Alto Adige, Carpenedolo, Pergocrema, Hellas Verona, Cremonese, Como e Teramo. Attenzione anche all'altro attaccante, il fiorentino Niccolò Gucci, autore già di 12 reti in stagione e oltre 100 in categoria con le maglie di Fortis Juventus, Scandicci, Pistoiese, Correggese, Ama Juventus Fano e Varese.
Oggi non saranno della partita Bortoluz e Mozzanica mentre, dopo diverse settimane di stop, ci sarà Santana, convocato dal tecnico Javorcic.
La probabile formazione della Pro Patria (3-5-2): Mangano (99) - Molnar, Zaro, Scuderi (98) - Cottarelli (98), Gazo, Pettarin, Disabato, Galli (97) - Gucci, Le Noci.
A disposizione: Guadagnin, Colombo, Marcone, Ugo, Arrigoni, Chiarion, Pedone, Santana, Ghioldi.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,468 sec.

Inserire almeno 4 caratteri