Serie D
domenica 7 ottobre 2018
CALCIO
La Virtus Bolzano compie l'impresa, espugnato il Briamasco

La Virtus Bolzano compie l’impresa e si aggiudica lo storico derby con il Trento, violando il Briamasco grazie alla rete realizzata da Koni. Per l’attaccante bolzanino è la terza marcatura in due partite, gol che alimenta l’esaltante percorso della Virtus Bolzano che viaggia nei piani alti della graduatoria, posizionandosi al terzo posto alle spalle di Adriese ed Este.
Il tema del derby è quello previsto alla vigilia con le due formazioni che si controllano a vicenda, evitando di lasciare spazi alle offensive avversarie. Il Trento bussa per primo dalle parti di Weiss, con il tiro al 5’ di Bardellone che finisce lontano dai pali della porta bolzanina. La Virtus Bolzano risponde all’8’ con il rasoterra innocuo di Bounou mentre al 12’ Elis Kaptina prova la sforbiciata, su assist del fratello Arnaldo, acrobazia che però non ha esito. Il Trento non sta a guardare ed al
18’ Dragoni prova la grande reattività del portiere Weiss che si esibisce con una efficace respinta. L’estremo difensore bolzanino si mette ancora in evidenza al 30’: il portiere non riesce a fraseggiare efficacemente con Rizzon, nello spazio si inserisce Bertoldi che agguanta la sfera ed è pronto a depositarla nella porta sguarnita, intenzioni sventate dal gran recupero di Weiss che stronca l’idea del bomber aquilotto. Al 36’ sugli sviluppi di una mischia in area biancorossoverde, Kicaj finisce a terra toccato duro alla spalla. Incidente che costringe il difensore a lasciare il terreno di gioco (sarà trasportato in ospedale), sostituito da Menghin. La Virtus Bolzano sblocca il risultato al 47’: per un fallo commesso su Arnaldo Kaptina, l’arbitro assegna un calcio di punizione dai 25 metri, sul punto di battuta si porta Koni il cui destro a mezz’altezza si insacca nell’angolo sinistro della porta difesa dal portiere aquilotto.
In avvio di ripresa il Trento si ritrova su un piatto d’argento la possibilità di riequilibrare la gara: all’8’ c’è il fallo di mano in area di Arnaldo Kaptina che invita il direttore di gara ad assegnare il calcio di rigore ai locali. Sul dischetto si presenta Furlan che però spedisce la sfera ad incocciare la traversa. La pressione del Trento è costante ma la Virtus Bolzano fa buona guardia: al 22’ su traversone di Furlan la palla sorvola l’area bolzanina dove c’è lo stacco di Bertoldi la cui inzuccata costringe Weiss alla deviazione acrobatica in calcio d’angolo. Il Trento insiste senza però mai trovare la giusta opportunità per rimettere in equilibrio il risultato.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,516 sec.

Inserire almeno 4 caratteri