Lega Pro 1ª Div.
lunedì 19 novembre 2012
CALCIO
Il Südtirol affonda nel pantano di Trapani

Mai tanti episodi negativi tutti in una volta per un Südtirol che vede interrompersi a Trapani la propria striscia utile che durava da quattro giornate (2 vittorie e altrettanti pareggi). Episodi negativi iniziati col vantaggio siciliano dopo appena 20 minuti, complice un errato disimpegno dei biancorossi, e proseguiti col rigore accordato ai padroni di casa poco dopo la mezz’ora. Rigore causato da Marcone, espulso nella circostanza per doppia ammonizione e sostituito fra i pali dal debuttante, classe 1994, Tenderini. Sotto di due reti e in inferiorità numerica, si è abbattuto un vero e proprio nubifragio sul “Provinciale” di Trapani. Su un campo ai limiti della praticabilità (e forse oltre), il Südtirol ha subìto altre due reti nella ripresa. Insomma, una domenica bestiale.
A Trapani mister Vecchi ripropone l’undici iniziale al quale si è affidato con continuità nell’ultimo mese, eccezion fatta per l’utilizzo al centro della difesa di Tagliani in sostituzione dello squalificato Cappelletti, mentre Bontà continua a fare le veci a centrocampo dell’infortunato Furlan, indisponibile già da tre settimane e costretto in infermeria al pari dei “lungodegenti” Bocalon e Clementi, nonché del febbricitante Grandi.
Si gioca in un pomeriggio piovoso e sferzato oltretutto da un forte vento. Sono del Trapani le prime folate del match, col Südtirol – ben coperto - che non concede però sbocchi offensivi e che progressivamente guadagna metri di campo, producendo il suo primo affondo al 12’ quando Martin innesca sul binario di sinistra Branca, sul cui cross Maritato – in bell’anticipo – gira abbondantemente a lato di testa. Ancora Südtirol al 18’, con Fink che si incunea abilmente in area e poi frana a terra, su intervento sospetto della difesa di casa. C’erano forse gli estremi per il calcio di rigore.
Ma due minuti più tardi il Trapani si porta a condurre, approfittando di un disimpegno avventato di Uliano, con Tagliani che perde il contrasto, permettendo ad Abate di servire in area dalla sinistra Madonia, il cui piattone al volo è imparabile per Marcone.
La formazione di Vecchi prova a reagire, e al 29’ Thiam controlla abilmente un difficile pallone al limite dell’area, per poi scoccare un destro che finisce di un metro a lato.
Ma è un fuoco di paglia, perché il Trapani trova terreno fertile nella metà campo biancorossa, e al 33’ - su rimessa laterale - Spinelli può avanzare indisturbato palla al piede per poi servire in profondità Mancosu, che entra in area e viene atterrato dall’uscita di Marcone. L’arbitro accorda il calcio di rigore ed espelle il numero 1 biancorosso, che nell’occasione rimedia il secondo cartellino giallo. Col sacrificio di Branca, fra i pali ci va Tenderini, portiere classe 1994 della Berretti, al debutto assoluto in prima squadra. Dal dischetto Madonia non perdona, firmando il 2-0 del Trapani, che vale anche la doppietta personale e la sesta rete in campionato per il numero 10 granata. Si prosegue a giocare a riflettori accesi e sotto un violento nubifragio, col Südtirol che – su un campo ridotto velocemente ad una risaia - rischia di subire il terzo gol quando l’irrefrenabile Madonia si incunea in area, salta Tenderini e calcia in porta, ma Iacoponi – sulla linea – salva la propria porta in scivolata.
Si riparte su un campo ai limiti della praticabilità, zuppo d’acqua e con vistose pozzanghere dove il pallone si va inevitabilmente ad impantanare. Capitan Fink e compagni protestano con l’arbitro per le condizioni del terreno di gioco, inducendo il direttore di gara a fermare il gioco e a provare a far rimbalzare il pallone in più parti del campo, ravvisando – a suo giudizio – la mancanza degli estremi per sospendere la partita. Si prosegue, col Südtirol sempre in inferiorità numerica e sotto di due reti. E al 14’ arriva anche il tris trapanese, con Basso che entra di prepotenza nell’area di rigore biancorossa, poi - frenato da una pozzanghera – si arresta e serve a ritroso Abate, che insacca di precisione alle spalle dell’incolpevole Tenderini.
I biancorossi tirano i remi in barca,e alla mezz’ora Docente si produce in una percussione centrale a campo aperto firmando il poker amaranto. Poi la partita si trascina stancamente sino alla fine, decretando la goleada trapanese ai danni di un Südtirol che ha ora l’occasione di dimenticare in fretta e riscattare una domenica bestiale nel recupero di mercoledì pomeriggio al Druso (ore 17) contro il Feralpisalò.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,734 sec.

Inserire almeno 4 caratteri