SporTrentino.it
Serie D

Lunga Trasferta per il Trento, che può rafforzare la leadership

Il pareggio maturato oggi nell’anticipo tra Caldiero Terme e Manzanese offre una grossa opportunità al Trento, che già oggi è partito alla volta di Porto Tolle, dove domani (domenica 21 febbraio) alle 14.30 affronterà i padroni di casa del Delta. In caso di vittoria gli aquilotti si poterebbero a +5 sulla inseguitrice friulana.

Per la compagine di mister Carmine Parlato si tratta dell'undicesima partita nel giro di quarantasei giorni, con gli aquilotti che hanno disputato più gare da inizio 2021 che da fine settembre a fine dicembre 2020.
Il Trento occupa il primo posto a quota 40 punti con due lunghezze di margine sulla Manzanese. Il Delta Porto Tolle, invece, occupa attualmente il tredicesimo posto con 22 punti conquistati, ma deve recuperare ben otto partite.

RISULTATI DEGLI ANTICIPI ODIERNI, PROGRAMMA DELLA GIORNATA E CLASSIFICA

I gialloblù sono reduci da una striscia positiva che dura ormai da fine novembre e che conta 12 risultati utili consecutivi (7 vittorie e 5 pareggi), mentre il Delta Porto Tolle, tornato in campo domenica scorsa dopo uno stop di 53 giorni, nelle ultime due uscite è stato prima sconfitto in trasferta dall'Union Feltre e poi ha battuto 2-0 in trasferta la Virtus Bolzano.
Dirigerà l'incontro Domenico Leone della sezione di Barletta, coadiuvato dagli assistenti arbitrali Massimiliano Starnini e Marco Giudice, appartenenti rispettivamente alle sezioni di Viterbo e Frosinone.

In campo

Mister Parlato non potrà disporre degli infortunati Bran, Osuji e Pattarello (stiratosi nel recupero infrasettimanale di mercoledì contro il Montebelluna) e ha convocato 21 giocatori, riportati di seguito.
Portieri: Cazzaro (1999); Ronco (2002).
Difensori: Amadori (2003); Contessa (2002); Dionisi (1985); Galazzini (2000); Salviato (1987); Tinazzi (2002); Trainotti (1993).
Centrocampisti: Caporali (1994); Gatto (1992); Nunes (1994); Pilastro (2001); Pinto (2001); Santuari (2001); Trevisan (2000).
Attaccanti: Aliù (1989); Belcastro (1991); Comper (2003); Ferri Marini (1990); Rivi (1994).

Gli avversari

Il Delta Porto Tolle nasce nel 1999 come Unione Sportiva Delta 2000 dalla fusione di tre realtà dilettantistiche del comune rodigino. Nel giro di undici anni la società raggiunge per la prima volta la Serie D (nella stagione 2010 – 2011) e, due stagioni più tardi, grazie alla vittoria del girone C, riesce a conquistare anche il passaggio tra i professionisti in Seconda Divisione. La permanenza tra i “pro” dura solamente un anno e, dopo la retrocessione del 2014, la denominazione della squadra viene cambiata in Delta Rovigo. Nel 2017, dopo tre stagioni di alto profilo in serie D, la sede operativa viene riportata a Porto Tolle.
Sulla panchina della compagine rodigina siede Andrea Pagan, arrivato a novembre della stagione scorsa, già in categoria con Union Clodiense, Este, Union Feltre e Legnano e, in precedenza, nei Settori Giovanili di Padova e Cittadella.
Gli elementi di spicco della squadra biancoblu sono il difensore centrale Alessandro Moretti, cresciuto nelle Giovanili della Juventus e che ha giocato con le maglie di Imolese, Derthona, Chieri, Franciacorta e Legnago, i centrocampisti Matteo Cavallini, ex playmaker di Legnago, Seregno, Luparense, Este e Campodarsego (per lui oltre 200 presenze in Serie D) e Dragan Trajkovic (nona stagione in serie D, dove ha collezionato 223 presenze con le maglie di Montichiari, Ciliverghe, Pavia e Ponte San Pietro) e gli attaccanti Vincenzo Barone, che ha militato nelle giovanili del Napoli dal 2011 al 2013 e in Serie D ha collezionato più di 100 presenze con le maglie di Arzanese, Marcianise, Legnago, Mantova e Union Clodiense, Andrea Raimondi, alla sua seconda stagione in forza al Delta Porto Tolle, già in serie B con Padova, Juve Stabia e Trapani, in C con Padova, Sangiovannese, Juve Stabia, Venezia, Cosenza e Benevento e in serie D con Vigontina, Arzignano e Campodarsego e i neoacquisti Filippo Strada (ex Prato e Lucchese in serie C, Adriese, Villafranca e Sona in serie D) e Sasa Cicarevic (ex Rimini in serie B - 34 presenze e 11 reti - e in serie C, San Marino in C, Legnago Salus, San Marino e Cjarlins Muzane in serie D).

Gli ex della partita

Tre sono gli ex della sfida. Tra le fila gialloblù trattasi del tecnico Carmine Parlato che ha allenato la squadra veneta (che allora si chiamava Delta Rovigo) nella stagione 2016/2017, collezionando 16 vittorie, 10 pareggi e 6 sconfitte in 32 partite e il difensore Matteo Dionisi, in biancoblu nella medesima annata.
Tra le fila polesane l’unico ex è Enrico Gherardi, che ha vestito la maglia del Trento nella stagione 2016 – 2017 in Eccellenza, anno in cui ha conquistato il titolo di capocannoniere della categoria con 36 reti.

I precedenti

Tre sono i precedenti tra le due formazioni. Oltre alla gara d'andata, vinta dal Trento per 2 a 1 con doppietta di Aliu, le altre due sfide risalgono alla stagione 2018/2019 in serie D. In entrambe le gare i gialloblù uscirono sconfitti: all’andata in terra veneta i rodigini si imposero per 3 a 1, mentre passarono per 2 a 0 al “Briamasco”.

fonte Ac Trento
© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,469 sec.

Classifica

Notizie

Videoclip