SporTrentino.it
Serie D

Il Trento batte il Montebelluna e allunga in vetta

Al Trento servivano i 3 punti per riconquistare la vetta solitaria della classifica. E i 3 punti sono arrivati. Non sicuramente a fronte della miglior prestazione stagionale, ma sono arrivati. Quello visto al Briamasco contro il Montebelluna - nel recupero dell'undicesima giornata del campionato di serie D girone C - è stato un Trento meno spumeggiante di altre volte, ma concreto, una delle caratteristiche che ha fin qui permesso alla formazione allenata da mister Parlato di cullare sogni di serie C. Vivi, ora come non mai.

Gli aquilotti hanno trovato sulla loro strada un Montebelluna ben messo in campo, che è riuscito a limitare le individualità della squadra di casa e pure a mettere i brividi alla capolista a inizio ripresa, quando l’ex Venezia Fasan ha cavato dal cilindro ben più di un semplice coniglio: un eurogol il suo, che ha acceso un pomeriggio e una partita non certo delle più spettacolari.
A garantire il successo al Trento ci hanno pensato il “solito” Aliù (all’undicesima marcatura stagionale) e Gatto, che al 73’ ha realizzato (su rigore) il gol del definitivo 2-1.
Da segnalare l’infortunio accorso nel primo tempo a Emiliano Pattarello, che aveva propiziato la rete del primo vantaggio e anche oggi, come accaduto nella sfida precedente contro l’Ambrosiana, aveva avuto un ottimo impatto sul match.

La cronaca

Dopo la classica fase di studio iniziale, al primo vero affondo il Trento passa in vantaggio. A propiziare il gol è Pattarello, che si conferma uno dei giocatori più in palla della squadra di mister Parlato. Il numero 11 aquilotto lavora bene il pallone sulla destra, guadagna la linea di fondo e lascia partire un cross calibrato per l’accorrente Aliù: Bonato smanaccia e il pallone finisce sui piedi dell’attaccante aquilotto, che controlla ottimamente la sfera e la mette in rete per l’1-0, siglando l’undicesimo gol stagionale in campionato.

Il Montebelluna fatica a uscire dalla propria metà campo e all’21’ mister Pasa deve già operare il primo cambio, inserendo Franceschini al posto del claudicante Martin. A fine primo tempo medesimo destino toccherà a Marchiori, il cui infortunio tiene fermo il gioco per circa 5 minuti.
Prima del riposo c’è tempo per vedere all’opera anche il neoacquisto Gabriel Nunes, subito gettato nella mischia da Parlato. Al 30’ il centrocampista brasiliano recupera palla e serve sulla corsa Pattarello, il cui tiro da posizione defilata chiama Bonato alla parata in tuffo. Poco dopo il numero 11 dei locali dovrà lasciare il campo, vittima di un infortunio di carattere muscolare (stiramento). A subentrargli è Pilastro.

Il brasiliano Nunes Da Cunha, al debutto con la maglia del Trento
Il brasiliano Nunes Da Cunha, al debutto con la maglia del Trento

L’ultimo acuto della prima frazione, conclusa dopo 7 minuti di recupero, è del Trento, pericoloso con l’ennesima azione in ripartenza. Questa volta è Caporali a liberarsi al tiro: il portiere avversario respinge in tuffo e il pallone termina sui piedi di Tinazzi, che ha tutto lo specchio della porta a disposizione, ma spara alto.

La ripresa si apre con l’eurogol di Fasan

Pronti-via ed è 1-1. Questa volta, a differenza di quanto accaduto contro Chions e Ambrosiana, non si può parlare di cali di tensione o amnesie da parte del Trento. Il gol è frutto di un pezzo di bravura dell’ex Venezia Fasan, che raccoglie l’assist di tacco di Lukanovic (pure quello da applausi) e lo trasforma in oro, con un tiro di prima intenzione che termina la propria corsa nel “sette”, imprendibile per Ronco.
Dopo una bella staffilata di Caporali, terminata out di poco, Parlato prova a dare nuova linfa alla manovra della sua squadra e getta nella mischia Ferri Marini (per il brasiliano Nunes) e Amadori, che prende il posto di Pilastro: la partita di quest’ultimo, subentrato al 35’ all’infortunato Pattarello, dura soltanto una ventina di minuti.
A rendersi pericoloso, però, è il Montebelluna, che al 62’ ha una doppia occasione con Bardini. Tinazzi (poi subito sostituito) perde palla sulla linea di fondo e permette al numero 3 della squadra ospite di andare due volte al tiro. Ronco è provvidenziale in entrambe le occasioni.

Decide Gatto dal dischetto

Il Trento si scuote, ma fatica a essere incisivo, fino all’episodio che decide il match. Un piazzato di Gatto dalla sinistra trova sul primo palo Trainotti: il capitano dei gialloblù tocca di testa il pallone, che finisce sul braccio di De Min. L’arbitro evita la seconda ammonizione al difensore del Montebelluna, ma decreta il calcio di rigore: sul dischetto va Gatto, che spiazza Bonato e sigla il gol del sorpasso.

Il nuovo vantaggio dà ulteriore vigore alla manovra degli aquilotti, che al 77’ ci provano con Ferri Marini, bravo a liberarsi al tiro nel cuore dell’area avversaria: la sua conclusione è però deviata in corner da un giocatore veneto.
Nel finale il Montebelluna si rovescia in avanti in cerca del pareggio. Fasan mette più volte in apprensione la retroguardia del Trento, che però respinge ogni offensiva. I gialloblù vanno a +3 sulla Manzanese: l’obiettivo di giornata è centrato. Con una buona base posta per il raggiungimento di quello stagionale.

LA CLASSIFICA AGGIORNATA

Il migliore in campo

Nicola Fasan (Montebelluna)
Fino a quando è rimasto in campo, Emiliano Pattarello ha avuto un impatto decisivo sul match, come accaduto nella sfida precedente contro l'Ambrosiana. È stato lui a propiziare il gol del primo vantaggio. La palma del migliore in campo, però, spetta all’ex Venezia Nicola Fasan. Il suo gol è roba da spellarsi le mani dagli applausi, impreziosito da altre buone giocate.

Il tabellino

TRENTO – MONTEBELLUNA 2-1
TRENTO: Ronco, Galazzini, Trainotti, Nunes (7’st Ferri Marini), Caporali, Belcastro, Aliù (39’st Salviato), Pattarello (35’st Pilastro, 7’st Amadori), Tinazzi (18’st Contessa), Gatto, Dionisi. Allenatore: Carmine Parlato.
MONTEBELLUNA: Bonato, Bardini (42’st Preknicaj), Girardi (30’st Maronilli), Marchiori (46’pt Marchiori), Zucchini, Pulzetti (11’st Shala), Zago, Fasan, Martin (21’pt Franceschini), Lukanovic, Fabbian. Allenatore: Daniele Pasa.
ARBITRO: Gioele Iacobellis di Pisa (Andrea Mastrosimone di Rimini e Michele Decorato di Cosenza).
RETI: 13’pt Aliù (T), 1’st Fasan (M), 28’st rig. Gatto (T).
NOTE: ammoniti Galazzini (T), Caporali (T), De Min (M) e Fasan (M). Corner: Trento 6, Montebelluna 3. Recupero: 7’ + 4’.

Autore
Luca Franchini
© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,453 sec.

Classifica

Notizie

Videoclip