Serie D
domenica 10 febbraio 2019
CALCIO
Trento battagliero, ma i legni gli negano il successo
fonte: Ac Trento

Il Trento torna da Este con un pareggio che sta stretto, anzi strettissimo alla formazione di Loris Bodo, che crea tre nitide palle gol (compreso un palo colpito da Sabato), va sotto per un dubbio rigore concesso alla squadra veneta e trasformato da De Giorgio, ma non si abbatte. Dopo un rigore non concesso nonostante un evidente tocco con il braccio di Ostoljic, Il gol del pareggio lo firma Bertaso in pieno recupero e, al 95?, Petrilli sfiora il punto del due a uno ma il gran tiro dell’attaccante gialloblù si stampa sulla traversa a portiere battuto e poi la difesa “mura” la conclusione di Cristofoli. La risposta auspicata dopo la sconfitta di Bolzano contro la Virtus è arrivata. Il Trento sale a quota 17 in classifica e mercoledì sarà impegnato allo stadio “Briamasco” nel recupero della quinta giornata del girone di ritorno contro il Delta Porto Tolle.

La cronaca


Trento in campo con il consueto “4-3-3”, ma mister Loris Bodo, che deve rinunciare all’ultimo momento all’infuenzato Baronio, rimescola le carte: Barosi difende i pali della porta gialloblù, mentre la linea difensiva è formata da Romagna e Mureno sulle corsie esterne con Sabato a Panariello al centro. Zucchini agisce da mediano con Trevisan e Frulla interni, mentre in avanti Cristofoli guida il tridente con Petrilli e Badjan a supporto.
La squadra gialloblù spinge subito, ma il primo sussulto è di marca locale con il tiro da fuori area di Marini (7?) che viene deviato oltre il fondo da Barosi. Poi il Trento assume il controllo delle operazioni e, nel giro di sei minuti, crea tre nitidissime palle gol: al 17? Cristofoli incorna a lato con Badjan che non trova la correzione in scivolata sotto misura, mentre al 19? è il palo, a portiere battuto, a negare il gol a Sabato, che incorna dopo il “ponte” aereo di Panariello. Al 23? discesa a destra di Petrilli e traversone a centroarea per Cristofoli, la cui volée mancina termina oltre la traversa. L’Este appare in difficoltà, ma al 29? il corpo a corpo in area gialloblù tra Sabato e Giusti viene punito dal direttore di gara con il penalty. Sul dischetto va De Giorgio che trasforma di giustezza.
Il Trento torna a premere: al 39? Lorello si fa sfilare il pallone sotto la scarpa e recupera in extremis nei pressi della linea di porta, mentre al 43? il tiro dal limite di Cristofoli termina alto.

Nella ripresa è ancora la formazione di Bodo a spingere, ma è l’Este a farsi vedere: al 51? Barosi stoppa con una coraggiosa uscita a terra Giusti. Sul ribaltamento di fronte Badjan pesca in verticale Mureno, il cui diagonale viene respinto in tuffo da Lorello. Passano tre minuti e Trevisan sfonda sulla destra e poi crossa al centro per l’accorrente Frulla, che manca però l’impatto con la sfera.
Mister Bodo prova a cambiare le carte in tavola inserendo Roveretto al posto di Mureno e i gialloblù continuano a spingere. Al 65? il difensore di casa Ostoljic tocca in maniera evidente la sfera con il braccio nella propria area di rigore ma l’arbitro lascia proseguire. Entra anche per Bertaso per Trevisan e l’assedio finale dei gialloblù si concretizza al minuto 93: lunga gittata in area di Frulla, doppia sponda di Roveretto e Cristofoli proprio per Baronio, che batte Lorello con un tiro potente e preciso sul primo palo.
Non è finita: al 95? Petrilli si accentra da destra e poi lascia partire una gran conclusione che supera il portiere di casa e si stampa clamorosamente sulla traversa. Riprende Cristofoli che batte a colpo sicuro ma un difensore dell’Este s’immola e respinge con il corpo a pochi passi dalla linea.
Finisce 1 a 1 con tanti rimpianti. Mercoledì sarà già tempo di tornare in campo: al “Briamasco” (ore 14.30) arriverà il Delta Porto Tolle.

Il tabellino


ESTE – AC TRENTO 1-1
ESTE: Lorello, Salvatore, Ostojic (41’st Panebianco), Marini, Ferrando, Addolori, Giusti (42’st Bonavina), Pozza (13’st Chajari), Pedalino (29’st Segato), De Giorgio, Pizzolato (23’st Ferchichi). A disposizione: Vencato, Costantin, Borghi, Zanella. Allenatore: Nicola Zanini
AC TRENTO: Barosi, Badjan, Zucchini, Romagna, Trevisan (29’st Bertaso), Frulla, Mureno (16’st Roveretto), Petrilli, Panariello, Cristofoli, Sabato. A disposizione: Guadagnin, Spiro, Carella, Paoli, Islami, Santuari. Allenatore: Loris Bodo
ARBITRO: Longo di Cuneo (Scardovi di Imola e Grande di Bologna)
RETI: 29’pt rigore De Giorgio (E), 48’st Bertaso (T)
NOTE: campo pesante. Giornata fredda. Spettatori 200 circa. Ammoniti Ferrando (E), Sabato (T), Trevisan (T) e Frulla (T) per gioco falloso, Petrilli (T) per proteste. Calci d’angolo 5 a 3 per il Trento. Recupero 0? + 5?

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,641 sec.

Inserire almeno 4 caratteri