Eccellenza
domenica 1 ottobre 2017
CALCIO
La punizione di Pffrader mette le ali al San Giorgio

Una Virtus Bolzano bella, ma sfortunata è stata costretta a cedere la posta in palio al San Giorgio, sottomessa dalla punizione di Piffrader al 26’ della ripresa. Gol che ha fatto pendere il piatto della bilancia a favore dei pusteresi a conclusione di un match dominato dai bolzanini che hanno colpito tre legni: due con Cremonini ed uno con Timpone.

La cronaca


Prima del fischio mister Morini modifica lo scacchiere annunciato, inserendo Schwingshackl al posto di Ziviani, il quale, nella fase di riscaldamento, ha accusato un problema muscolare. In avvio la Virtus Bolzano si propone subito nella trequarti pusterese con alcune idee sviluppate da Kicaj e Cremonini. Al 6’ prima occasione per la Virtus Bolzano con la palla insidiosa calciata su punizione da Arnaldo Kaptina, proietto effettato che costringe Negri alla deviazione in angolo. Al 89’ risponde il San Giorgio con l’assist dalla destra di Schwingashackl per il tentativo di girata al volo di Bacher che Tenderini controlla senza patemi. Il gioco scorre senza evidenziare alcuna superiorità territoriale, si viaggia con manovre elaborate da entrambe le parti con le rispettive difese pronte a sparigliare ogni possibile insidia. Al 19’ Majdi prova la conclusione dai 20 metri ma la parabola finisce lontano dallo specchio. Elis Kaptina prova a sfondare al 24’ e nonostante il raddoppio di Harasser e Brugger, l’attaccante bolzanino riesce ad insidiare Negri che si distende e devia in angolo. Un minuto dopo Negri si oppone alla grande su una percussione di Elis Kaptina, uscendo a valanga sui piedi dell’attaccante. Virtus Bolzano sempre offensiva ed al 30’ Arnaldo Kaptina costriunge Negri ad una parta a terra su tiro di punizione. Locali pericolosi ancora al 36’ quando Timpone trova il corridoio giusto per Elis Kaptina la cui corsa è frenata dalla chiusura in uscita del portiere Negri. La Virtus Bolzano mantiene alto il baricentro ma l’assetto del San Giorgio non si lascia sorprendere dalle fiammate avversarie. Il tempo si chiude con l’incredibile occasione capitata a Cremonini al 46’: l’esterno fugge via sulla destra da dove lascia partire un diagonale che supera Negri, ma la palla si infrange prima sulla base del palo di sinistra per carambolare sulla base del palo destro e rotolare nuovamente in campo tra la disperazione dei giocatori bolzanini.
Sempre tonica ad aggressiva la Virtus Bolzano in avvio di ripresa: all’8’ su angolo di Majdi la palla sorvola l’area di rigore dove svetta Timpone il cui colpo di testa scheggia la traversa. Al 9’ è Breschi a sibilare da fuori area con la palla che sorvola il montante. Doppia opportunità per Timpone al 13’: l’attaccante si ibera per il tiro in piena area di rigore pusterese, il fendente si infrange sul corpo del portiere Negri. La corta respinta favorisce ancora Timpone che da due passi calcia alto. Alla prima occasione da rete il San Giorgio passa in vantaggio. La trasformazione arriva al 26’ su calcio di punizione che Piffrader trasforma mandando la palla ad insaccarsi nel sette alto dove Tenderini non può arrivare. Al 27’ è la volta di Albanese che di testa costringe Tenderini ad inarcarsi per la deviazione in angolo. La Virtus Bolzano prova a stringere i tempi alla ricerca del gol del pareggio, ma non riesce a produrre insidie davvero importanti.

Il tabellino

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,434 sec.

Inserire almeno 4 caratteri