Serie C
domenica 1 ottobre 2017
CALCIO
Il Südtirol conduce le danze, ma l'unica rete è del Gubbio

Trasferta amara in terra umbra per il Südtirol, che esce sconfitto dallo stadio “Barbetti”, dove il Gubbio si impone per 1-0 al termine di un match a lungo condotto sul piano del gioco dai biancorossi, che non sono però riusciti a finalizzare qualche favorevole palla-gol, venendo così puniti da una sporadica ripartenza dei padroni di casa, andati in gol al 63' con l'esperto Cazzola. Per la squadra di Zanetti si tratta della seconda sconfitta consecutiva. Mercoledì, al Druso, nel turno infrasettimanale contro il Modena, l'occasione per riscattarsi e per tornare a muovere la classifica.

La cronaca


In Umbria mister Zanetti non può disporre degli infortunati Broh e Vinetot e conferma il modulo “3-4-2-1” delle ultime partite, con Baldan riproposto titolare in difesa, con Smith che affianca Berardocco a centrocampo e con Gyasi terminale offensivo supportato da Cia e Fink, mentre Cess – alla prima convocazione in biancorosso – parte dalla panchina.
Inizio di match tonico e risoluto da parte di entrambe le squadre, col Gubbio a rompere gli induci dopo nemmeno due minuti di gioco, quando – sugli sviluppi di un calcio d'angolo battuto da Cazzola e respinto da Baldan al limite dell'area – il destro di Giacomarro si perde alto sopra la traversa.
Al 6' la riposta biancorossa con Fink che vede e serve la sovrapposizione sulla fascia destra di Tait, sul cui cross basso sul primo palo si genera una mischia, con Gyasi che non riesce a catturare il pallone e con Dierna che da terra lo tocca con il braccio. Ma l'arbitro non interviene.
Col passare dei minuti è il Südtirol ad impossessarsi del pallino del gioco e ad esercitare un predominio territoriale piuttosto marcato, e al 20' il lancio in verticale di Berardocco libera la corsa solitaria di Gyasi, che entra in area di rigore da posizione defilata e sferra un diagonale potente che Volpe con la punta delle dita devia sul fondo, anche se poi la terna arbitrale – erroneamente - non concede il calcio d'angolo ai biancorossi.
Quattro minuti più tardi su azione insistita del Gubbio vanno al tiro prima Cazzola e poi Giacomarro ma – nell'ordine - Zanchi e Sgarbi sono bravi a rendere inefficaci le conclusioni dirette in porta facendo scudo col corpo.
Giocano bene i biancorossi, sviluppando una buona manovra che trova sempre sbocchi sulle corsie laterali, e al 40' su dosato traversone di Tait dalla destra la torsione di testa di Gyasi è vincente, col pallone che si insacca nell'angolino più lontano, ma l'arbitro annulla la rete per dubbia posizione di offside dell'attaccante di origini ghanesi.
I biancorossi sono sempre incisivi sull'out di destra, con Berardocco che invita nuovamente al cross Tait, sul cui traversone a spiovere nel cuore dell'area Kalombo – in spaccata – anticipa in extremis Zanchi, poi Volpe libera l'area e Smith calcia abbondantemente sul fondo dai 20 metri. Primo tempo di marca biancorossa, ma squadre al riposo sul parziale di 0-0.
Nessun cambio nell'intervallo, con le due squadre che si ripresentano sul terreno di gioco con gli stessi undici iniziali.
Al 3' brivido per i biancorossi sul cross dalla sinistra di Casiraghi per la conclusione al volo di Cazzola da pochi passi, “murata” dalla provvidenziale chiusura di Smith.
Come nel primo tempo biancorossi più manovrieri dei padroni di casa, ma al 12' su veloce ripartenza umbra va al tiro in corsa Casiraghi, che costringe Offredi alla non facile parata in tuffo.
Mister Zanetti cerca nuove soluzioni offensivi dalla panchina, inserendo Costantino per Fink, con l'attaccante abruzzese che va a sistemarsi al centro dell'attacco e con Gyasi che scala alle sue spalle.
Al 17' su azione convulsa al limite dell'area, il pallone arriva a Tait, il cui destro potente costringe Volpe a smanacciare il pallone sopra la traversa.
Ma un minuto più tardi la squadra biancorossa si fa trovare scoperta sulla fascia sinistra, con duetto fra Casiraghi e Cazzola, il quale – un passo dentro l'area – fulmina Offredi con un diagonale imparabile per il vantaggio del Gubbio.
Immediato il tentativo di reazione dei biancorossi, con conclusione ravvicinata di Gyasi, respinta di piede da Volpe.
Poi mister Zanetti ridisegna il Südtirol, inserendo Gatto e Cess per Frascatore e Fink e passando al “4-2-4”, con Cess – al debutto assoluto in maglia biancorossa – e Gatto sugli esterni e con la coppia Costantino-Gyasi al centro dell'attacco.
Cambi e nuove soluzioni che mostrano incoraggianti segnali di efficacia alla mezz'ora, quando Cess controlla un difficile pallone sulla destra e poi di tacco libera al cross il “solito” Tait, sul cui traversone a mezza altezza la potente girata al volo da centro area di Costantino sorvola di pochissimo la traversa.
Generoso ma improduttivo il forcing finale del Südtirol, che rimedia a Gubbio la seconda sconfitta di fila.

Il tabellino


GUBBIO - FC SÜDTIROL 1-0 (0-0)
Gubbio (4-4-1-1): Volpe; Kalombo, Dierna, Burzigotti, Lo Porto; Cazzola (81. Conti), Ricci, Giacomarro (81. Sampietro), Ciccone (64. De Silvestro); Casiraghi (69. Paolelli); Marchi. In panchina: Costa, Jallow, Piccinni, Bergamini, Fumanti, Munari, Libertazzi. Allenatore: Dino Pagliari
FC Südtirol (3-4-2-1): Offredi; Baldan, Sgarbi, Frascatore (68. Gatto); Tait (88. Heatley Flores), Smith, Berardocco, Zanchi; Fink (68. Cess), Cia (61. Costantino); Gyasi. In panchina: D'Egidio, Bertoni, Boccalari, Oneto, Berardi, Erlic, Roma. Allenatore: Paolo Zanetti
Arbitro: Daniele Rutella di Enna (Lalomia di Agrigento e Bovini di Ragusa)
Rete: 63. Cazzola (1-0)
Note: pomeriggio con cielo coperto e temperatura mite. Ammoniti: Baldan (FCS), Volpe (FCS)

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,598 sec.

Inserire almeno 4 caratteri