Serie D
venerdì 18 agosto 2017
CALCIO
Domani alle 18 il derby di Coppa Italia Dro - Trento
fonte: Ac Trento

Si parte, finalmente si parte. Dopo dieci amichevoli estive per il Trento è il momento di fare sul serio. Sul manto in erba naturale di “Oltra” gli aquilotti affronteranno il Dro nella gara “secca” valevole per il turno preliminare di Coppa Italia. Tanta curiosità per vedere all’opera l’undici di Roberto Vecchiato, all’esordio sulla panchina gialloblù. Non ci saranno prove d’appello: in caso di parità al termine dei 90’ regolamentari si procederà con i calci di rigore per stabilire chi supererà il turno.
Per l’esordio ufficiale stagionale il tecnico gialloblù Roberto Vecchiato non potrà disporre del difensore centrale Nicola Calcagnotto, che si accomoderà in panchina ma solamente per “onor di firma”, a causa di un problema muscolare, mentre i giovani Bakari Badjan e Alberto Pangrazzi non sono ancora tesserati. In dubbio uno dei due portieri Mattia Grubizza, alle prese con un’insaccata all’anca che l’ha costretto a saltare anche la sfida amichevole di giovedì contro il Naturno. Tra i pali, dunque, spazio ad Andrea Cuoco, alla “prima” assoluta con una formazione maggiore.
Il Dro Alto Garda (il cambio di denominazione è avvenuto pochi mesi or sono) si prepara ad affrontare la quinta stagione consecutiva in serie D. Sulla panchina siede, per la prima volta, Michele Ischia che, dopo una splendida carriera da calciatore professionistica (quasi 600 presenze tra serie B, C1, C2 e D), ha appeso le scarpe al chiodo e intrapreso l’attività di allenatore. Il punto massimo della carriera del 39enne Ischia sono state le due stagioni in serie B con la maglia del Frosinone, di cui è stato anche capitano, impreziosite da diverse marcature, una delle quali realizzata a danno della Juventus.
L’elemento di spicco del roster gialloverde, ancora incompleto e in fase di definizione, sono l’attaccante classe ’92 Francesco Casolla, che nel proprio palmares vanta la vittoria di due campionati di serie C2 con San Martino e Teramo e ha al proprio attivo 85 presenze tra i “pro” (impreziosite da 14 reti), oltre a 92 presenze e 19 reti in serie D con le maglie di Riccione, Real Rimini, San Nicolò, Sangiovannese e Vigasio. Gli altri giocatori importanti sono l’estremo difensore Stefano Chimini (terza stagione al Dro, dopo aver militato con AlbinoLeffe, Feralpisalò, Fersina e Monza), uno dei portieri più affidabili dell’intera categoria, e il difensore centrale Federico Tobanelli (206 presenze e 13 reti in serie D), prelevato in estate dal Levico Terme.
Dro e Trento si sono affrontate solamente una volta in sfide ufficiali. Il match risale al 23 agosto 2009, quando gialloverdi e gialloblù si trovarono di fronte nella sfida valevole per la Coppa Italia. regionale. Il Trento, all’epoca, militava in Eccellenza, mentre il Dro calcava i campi della Promozione: ad “Oltra” s’imposero per 4-3 gli aquilotti, al termine di una sfida che regalò emozioni su emozioni al numeroso pubblico presente. Di Poli (doppietta) e Dalpiaz le reti del Dro, mentre le marcature della squadra guidata all’epoca da Renzo Merlino (avvicendato, poche settimane più tardi, da Marco Melone) portarono la firma del bomber Francesco Cosa (tripletta) e Zingrillo.

Le probabili formazioni


DRO (4-2-3-1): Chimini; Giacco (98), Allegretti, Tobanelli, De Min (97); Karamoko, Bertoldi; Greco (98), Melchiori, Mauceri (99); Casolla. A disposizione: Di Piero, Corradini (00), Grossi (97), Ruaben, Rosa (98), Odorizzi (00), Ajdarovski, Ettahiri (98). Allenatore: Michele Ischia
TRENTO (4-3-3): Cuoco (99); Toscano (98), Cascone, Casagrande, Diop (97); Furlan, Bertaso (98), Boldini; Lillo, Lella, Duravia. A disposizione: Scali (Grubizza 99), Cavagna (99), Dallavalle (00), Calcagnotto, Bacher, Osti (97), Paoli (97), Ferraglia (99), Gattamelata. Allenatore: Roberto Vecchiato
ARBITRO: Giulio Bonaldo di Conegliano (assistenti: Tommaso Betta ed Enrico Repetto di Bolzano)

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,719 sec.

Inserire almeno 4 caratteri