Hombre del partido
venerdì 11 novembre 2016
CALCIO
Martinelli e Ferraris voglio il definitivo salto di qualità

Rinnovamento per il salto di qualità. La Virtus Trento è incredibilmente al primo posto in classifica, la Ravinense sta lottando per mantenere la categoria dopo essere stata ripescata in estate. Gli arancioverdi, dopo undici giornate, hanno inanellato otto vittorie e un pareggio, mentre i biancazzurri tre vittorie e un pareggio. Gli "hombre del partido" di questa settimana sono Marco Martinelli, estremo difensore della Virtus, che si sta confermando portiere di sicura affidabilità e Michele Ferraris, attaccante della Ravinense, che nell'ultimo turno ha realizzato una doppietta. Classe 1992 il primo, è cresciuto calcisticamente nel Trento, ha provato per metà anno con il calcio a 5 al Green Tower e ha vestito le maglie di Vattaro e Rovereto. Il secondo è un classe 1995, è cresciuto tra Aldeno, Mezzocorona e Trento e ha vestito la maglia della Ravinense nelle ultime stagioni.

1. È soddisfatto di questa prima parte del campionato?
2. Il campionato è molto equilibrato. Da quale squadra si aspettava di più e quale può essere considerata un'outsider fino ad ora?
3. L'avversario con cui fatica maggiormente?
4. Qual è l'allenatore con cui si è trovato meglio?
5. Dove volete arrivare quest'anno?


MARCO MARTINELLI


1. «Assolutamente sì. A livello di gruppo sapevo dell'importanza dell'unità, lavorando bene già nella passata stagione, con nessuno che si lamenta e con tutti che remano nella stessa direzione. La rosa è stata fatta per cercare di salvarsi tranquillamente, poi abbiamo inanellato belle vittorie che ci hanno portato fino a questo punto».
2. «Mi aspettavo qualcosina in più dal Mori, perché sulla carta per me è una delle tre che punta al salto di categoria. La Condinese è la squadra che mi ha stupito maggiormente, con tanti elementi che vengono dal bresciano. Anche la Garibaldina mi ha impressionato positivamente».
3. «Santuliana del Nago. Ogni volta che gioco contro di lui faccio errori su suoi tiri (ammette ridendo, ndr)».
4. «Ne ho avuti davvero tanti. Non posso dirne uno in particolare, perché ognuno mi ha dato qualcosa di suo e in un modo o nell'altro mi sono trovato bene».
5. «La cosa principale è raggiungere la salvezza il prima possibile, poi punteremo a divertirci. La penso come il mister (Marco Fontana, ndr), raggiungere i 38 punti il prima possibile. A livello personale, invece, vorrei subire pochi gol».

MICHELE FERRARIS


1. «Non tantissimo, potevamo fare molto di più a mio avviso. Specialmente all'inizio. Abbiamo perso per mancanze nostre con Albiano e Bassa Anaunia, sprecando tanto in avanti».
2. «Io mi aspetto un bel campionato da parte dell'Anaune perché han un organico consolidato e ha battuto in settimana, in coppa, il Trento. In più la squadra nonesa ha Filippo Moratti sulla panchina, che è un ottimo mister e che per qualche mese mi ha allenato al Trento. Dal Mezzocorona, in fondo alla classifica, mi aspettavo qualcosa in più».
3. «Un avversario davvero forte che soffro particolarmente è un difensore, Giacomoni della ViPo. Contro di lui è sempre dura, forte fisicamente e veloce».
4. «Mi sono sempre trovato bene con tutti gli allenatore, dal settore giovanile fino ad ora. Con Gabrielli, però, mi sono trovato particolarmente bene. Tira fuori il 100% da tutti, specialmente in allenamento».
5. «Dobbiamo raggiungere il prima possibile una posizione più tranquilla. L'organico non vale la posizione che attualmente occupa in classifica. Secondo me meritiamo molto di più».

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,516 sec.

Inserire almeno 4 caratteri