Hombre del partido
venerdì 7 ottobre 2016
CALCIO
Fersina e Albiano nelle mani di Elis Fontana e Matteo Pederzolli

Elis Fontana e Matteo Pederzolli. Due estremi difensori che stanno facendo un ottimo inizio di campionato. Il primo, classe 1973, in estate è arrivato alla Fersina dopo due stagioni di ViPo Trento, ed è da anni sulla cresta dell'onda, con svariate presenze tra serie D, Eccellenza e Promozione. Il secondo, classe 1996, è alla terza stagione al Porfido Albiano, dopo aver giocato nelle giovanili di Trento, Hellas Verona e Mezzocorona. Fontana in questo avvio di campionato ha subito appena tre reti in quattro partite, mentre Pederzolli ha subito appena una rete in cinque gare.

Le domande


1. Il suo avvio di campionato è ottimo, è stupito o se l'aspettava?
2. Quali sono gli aspetti migliori e peggiori, secondo lei, della sua formazione?
3. Potete essere voi una delle outsider del campionato?
4. Qual è l'attaccante che teme di più?
5. Chi è la favorita per la vittoria di finale?

ELIS FONTANA
1. «Sono contento, perché all'inizio della preparazione ho sofferto di mal di schiena, saltando così anche la prima giornata di campionato. Ho iniziato con delle buone gare, ma il merito va dato soprattutto alla squadra».
2. «Siamo una formazione molto compatta, che va tanto d'accordo. Ci ascoltiamo e ci aiutiamo molto. Di negativo poco o nulla. Possiamo migliorare tanto, di partita in partita. Con impegno e buona volontà possiamo toglierci parecchie soddisfazioni».
3. «Secondo me sì. Possiamo dare filo da torcere a tutti, ma dobbiamo dare sempre il cento per cento, perché siamo una squadra che può vincere o perdere contro chiunque».
4. «Domenica c'è Panizza (dice ridendo, ndr). Uno che in categoria, ma anche in quella superiore, fa la differenza. Garniga e tutti gli attaccanti del Mori sono sempre difficili da affrontare. Ad ogni modo, paura di nessuno, rispetto per tutti».
5. «Non avendo incontrato ancora nessuna delle candidate alla vittoria finale non saprei. Ma a naso direi l'Anaune. Hanno un gruppo consolidato, che è sempre lì davanti e con un allenatore molto bravo come Moratti».

MATTEO PEDERZOLLI
1. «Sono stupito anch'io. Sinceramente si spera sempre di partire bene, ma così bene è una grande soddisfazione. I meriti vanno dati a tutta la squadra che si sta allenando bene e i risultati ne sono la testimonianza».
2. «A livello difensivo siamo messi bene, con soltanto un gol subito in cinque gare. Gli infortuni in attacco di Pedrotti, l'attaccante con maggior esperienza in rosa, hanno condizionato il nostro rendimento in zona gol, dove abbiamo realizzato appena tre reti. Abbiamo giocatori giovani in avanti, ma sicuramente faranno bene».
3. «Noi vogliamo migliorare il risultato dell'anno scorso (quarto posto, ndr). L'obiettivo è di essere lì davanti a lottare con le prime. Magari riusciremo ad insidiare qualche big di inizio stagione».
4. «Le statistiche dicono Panizza. L'attaccante peggiore da affrontare per qualsiasi portiere. A onor del vero tutto l'attacco dell'Anaune è temibile, con Alessio Mariotti che sa fare la differenza. Anche Hasa e Villani del Mori sanno fare male spesso e volentieri».
5. «Il Mori Santo Stefano secondo me alla fine vincerà il campionato. Hanno un organico composto da giocatori con grande esperienza».

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,453 sec.

Inserire almeno 4 caratteri