Hombre del partido
venerdì 15 aprile 2016
CALCIO
Il Pieve di Bono di Foresti punta alla finale di coppa

Il Pieve di Bono punta al podio nel girone A di Prima categoria e si appresta a giocare la semifinale di ritorno di Coppa Provincia contro il Fiemme (all'andata finì 2 a 1 per il Fiemme). I chiesani allenati da Luca Codognato in estate hanno ceduto alcuni elementi importanti, ma sono riusciti a mantenere una buona ossatura, con giocatori di spessore nonostante le richieste da categorie superiori e la promozione in prima squadra dei migliori elementi del settore giovanile. I punti in classifica dei viola sono 31, con otto vittorie, sette pareggi e quattro sconfitte. I gol fatti sono trenta mentre quelli subiti venti.
Il vice presidente del Pieve di Bono, Christian Foresti, che in passato ha vestito le maglie di Condinese, Settaurense in serie D e Pieve di Bono, è il nostro Hombre del Partido di questa settimana.

Terzo posto in classifica con 31 punti. Un punto di distacco dalla seconda posizione e sei dalla Settaurense capolista. Provate la “remuntada”?
«Puntiamo più alla coppa che al campionato, credo che la lotta al titolo sia una "questione" tra Riva e Settaurense. Ad inizio stagione abbiamo faticato un pochino, ma in ogni caso ora stiamo viaggiando sopra le nostre aspettative. Puntavamo ad un campionato tranquillo di metà classifica. Ce la giochiamo di domenica in domenica e questa è la cosa che conta di più. Il nostro mister, Codognato, sta facendo un lavoro straordinario, speriamo rimanga con noi anche il prossimo campionato».
Partita difficilissima contro la Baone che, dopo un brutto girone d'andata con una sola vittoria al proprio attivo, ha centrato cinque vittorie e un pareggio nelle prime sei giornate del ritorno.
«Siamo consapevoli che la partita sia assolutamente difficile, il loro potenziale è enorme. Sarà una gara aperta e speriamo ovviamente che possa andare meglio a noi. Loro hanno una rosa di primissima fascia».
Com'è il livello del campionato secondo lei?
«Il livello è equilibrato e lo si può notare dai risultati che ci sono ogni domenica. Si può vincere e perdere con tutti, non c'è una partita in cui si può stare tranquilli o partire con la convinzione che possa essere una passeggiata. Non c'è nessun risultato scritto. Sono convinto che se il campionato iniziasse ora, le vere favorite sarebbero Baone e Pinzolo che hanno fatto male all'andata e che attualmente fanno paura».
Qual è la squadra che l'ha impressionata di più in questa stagione?
«Il Cavedine e il Riva del Garda che stanno facendo un ottimo campionato. I primi sono quarti in classifica e hanno totalizzato una trentina di punti, subendo pochissimi gol (11 reti subite e miglior difesa del campionato, ndr), mentre Riva è una neopromossa che è partita davvero forte e che si trova al secondo posto. Noi stessi abbiamo sorpreso, con un campionato sopra le aspettative».
Il giocatore che l'ha impressionata maggiormente invece?
«Quest'anno ammetto che ci sono parecchi giocatori che mi sono piaciuti particolarmente. Giovanni Nicolini della Settaurense che, quando ha giocato contro di noi, ha fatto davvero bene. Marco Dibella del Castelcimego e Mirko Polla del Pinzolo Campiglio che ad inizio anno era al Comano Fiavè. Di noi non posso non menzionare Giorgio Franceschetti che quest'anno è stato importante anche in fase realizzativa con undici gol».

La schedina di Christian Foresti

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,531 sec.

Inserire almeno 4 caratteri