Hombre del partido
venerdì 1 aprile 2016
CALCIO
Orsini crede ancora nel suo Borgo

Il Borgo non riesce ad allontanarsi dal penultimo posto e ormai è ad un passo dalla retrocessione in Prima categoria. Nella scorsa stagione i valsuganotti raggiunsero la tanto agognata salvezza grazie ad una grandissima rimonta nelle ultime giornate di campionato. Quest’anno invece la strada verso la permanenza in categoria sembra essersi complicata. Dopo la vittoria sul campo della Benacense sembrava che i giallorossi fossero in ripresa, ma le sconfitte delle ultime giornate, in special modo quella con il fanalino di coda Pinè, hanno lasciato la squadra di mister Giuseppe Orsini al penultimo posto. Nel prossimo turno ci sarà anche lo scontro contro una formazione in salute come la Bassa Anaunia.
Il nostro Hombre del Partido Giuseppe Orsini, allenatore che ha sempre fatto molto bene con i giovani e che ha dimostrato di essere una garanzia per la crescita del gruppo. Un tipo di lavoro che tuttavia presuppone tempo e che non sempre regala soddisfazioni nell’immediato sotto il profilo dei risultati.


La ultime due sconfitte, una di queste con il fanalino di coda Pinè, ha il significato di resa secondo lei?
«Resa no perché non fa parte del mio dna. Era difficile prima, ulteriormente difficile adesso, però, finché c'è la possibilità di raccogliere punti dobbiamo giocarcela».
Quali sono le cose che non sono andate in questa stagione?
«Le motivazioni possono essere molteplici. Il gruppo è cambiato tantissimo rispetto al passato e quest'anno ci sono numerosi giovani. Non può e non deve essere una scusante, perché potevamo fare di più. È una squadra che si impegna, con gente che ha voglia di fare. Purtroppo abbiamo qualche lacuna, come in fase realizzativa. Se devo salvare qualcosa, salvo i giocatori che hanno sempre dato il massimo».
Rifarebbe le stesse scelte?
«Assolutamente sì. Mi sento responsabile anche io nei confronti della società, la quale magari si aspettava di più da me. La mia voglia di lavorare in ogni caso rimane uguale. Sono contento di essere a Borgo e sono convinto che si potrebbe costruire un qualcosa per crescere. Ma questo non dipende solo da me».
Nel prossimo turno dovrete affrontare una partita sulla carta molto difficile contro la Bassa Anaunia.
«Sicuramente una delle formazioni più in salute di questo campionato. Loro sono una sorpresa fino a un certo punto, tanti li conosco, come Paracampo e Barbetti. Loro sono completi in tutti i reparti e hanno valori tecnici importanti».
Quali sono gli obiettivi futuri?
«Al momento non mi pongo obiettivi. Finiamo l'anno nella maniera migliore possibile e poi vedremo. Mi piace fare calcio con i giovani e far giocare in prospettiva».

La schedina di Giuseppe Orsini

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,516 sec.

Inserire almeno 4 caratteri