Seconda Categoria
venerdì 5 febbraio 2016
CALCIO
Besenello: calcio e castello
di Luca Andreazza

Un girone di andata double-face. Passo incerto e claudicante al principio. Dopo un inizio titubante la formazione sospesa fra Trento, Rovereto e la valle che conduce alla vicina Folgaria ha ingranato la sesta, agganciando il terzo posto del Girone B di Seconda Categoria. Besenello. Castel Beseno, punto privilegiato per controllare la zona sottostante, risale al XII secolo. All'interno si trovano ampi spazi, porte fortificate, bastioni, cortili, mura maestose, cantine e cisterne, oltre ad affreschi e una piacevole vista sulla Vallagarina e a strapiombo sul Rio Cavallo. Il paese è inoltre rinomato per la salita sulla retrostante montagna di Scanuppia (riserva naturale): l'ascesa è considerata fra le più difficili d'Europa da affrontare in bicicletta con un dislivello medio del 17% e massimo del 43%.

La polisportiva nasce nel 1980 per convogliare tutte le attività del paese e creare una sinergia fra le diverse discipline fino a quel momento piccoli frammenti diversi.

Facciamo il punto del Besenello. Parola al Presidente Carlo Postinghel e quindi al responsabile del settore calcio Giulio Tambosi e al giocatore Marzio Piccinini.

E pluribus unum. Da molti uno soltanto.
«La Polisportiva Besenello è la sintesi di tante realtà. Il tempo e la passione di tante persone rendono possibile un movimento importante con oltre 400 tesserati. La società è riuscita in anticipo a superare le diffidenze fra le diverse associazioni per concepire e sviluppare un progetto più ampio e articolato. Le discipline sportive rappresentate dal Besenello sono calcio, tennis tavolo, pallamano, tamburello, sci nordico, tennis e ciclismo. Un numero importante che comporta responsabilità e impegno. Al nostro interno cerchiamo di risolvere problemi e soprattutto avere programmi e bilanci in ordine. Dal punto di vista personale cerco di coordinare, mediare e portare la mia esperienza. Siamo orgogliosi di poter dire che i diversi settori sportivi sono fra loro in armonia. Un ringraziamento agli sponsor, Cassa Rurale e Comune.» - conclude Carlo Postinghel.

Arriva il turno di Giulio Tambosi, responsabile del settore calcio all’interno della Polisportiva Besenello.
Dirigente da 12 anni dopo 20 stagioni come giocatore di tamburello.

Besenello e il futuro.
«L’intenzione è quella di ritornare a disputare almeno una discreta Prima Categoria. Questa stagione cerchiamo di giocare le nostre carte dopo un inizio non facile. L’obiettivo minimo è comunque raggiungere almeno i playoff.» - spiega Giulio Tambosi

Squadra made in Besenello.
«La Seconda Categoria è imperniata su parecchi giocatori del paese, completata da ragazzi della vallata. Una squadra giovane e di prospettiva.»

Settore giovanile.
«Il Besenello vanta 28 tesserati fra i "Piccoli Amici" e schiera due formazioni "Pulcini", quindi "Esordienti" e "Juniores". In totale circa 118 tesserati. Il settore giovanile negli anni si è sempre distinto sul campo: la categoria "Giovanissimi" ha vinto il Campionato Provinciale due stagioni fa. Lo sport può essere molto importante, anche per la vita, insegna a superare momenti difficili, socializzare e relazionarsi. Si impara a vincere e soprattutto a perdere; le sconfitte possono essere molto formative.»

Collaborate con altre società.
«Abbiamo ottime collaborazione a livello di settore giovanile con Alta Vallagarina e Aldeno per le categorie "Giovanissimi" e "Allievi".»

Organizzate eventi particolari?
«Il Besenello e la Nuova Alta Vallagarina organizzano in gennaio il "Torneo Benedetti" riservato alle categorie "Piccoli Amici", "Pulcini" ed "Esordienti". Una bella collaborazione per tre giornate ricche di sport (4-5-6 gennaio 2016) con il torneo Esordienti che si svolge a Beseno, mentre "Piccoli Amici" e "Pulcini" si sfidano a Volano. Nell’ultima edizione svolta la prima settimana di gennaio hanno partecipato ben 52 squadre. Nel corso della stagione partecipiamo invece a diversi tornei, riservati in particolare ai "Piccoli Amici".» - chiude Giulio Tambosi

Marzio Piccinini, classe 1984. La tua storia calcistica?
«Il settore giovanile nell'Altipiani Calcio. Dal 2008 vesto la maglia del Besenello, a parte una parentesi per una stagione in Prima Categoria all'Aquila Trento, prima del ritorno a Beseno.»

Come ti avvicini alla partita?
«Il calcio è divertimento. Bisogna sempre immaginarlo come un "calcio-bailado" alla brasiliana. Tutto si basa sul ritmo; fondamentale è mantenere la giusta attitudine per tutta la durata della gara. La musica è una forma di rilassamento perfetta.»

Cosa ci puoi raccontare della tua stagione?
«Dal mio punto di vista tutto procede bene. Ho evitato per ora infortuni; un aspetto importante che mi permette di allenarmi e giocare con regolarità e continuità. Ho faticato all'inizio delle stagione poiché ho dovuto saltare la preparazione. Sono comunque soddisfatto del campionato in quanto sono riuscito a rimanere lucido sotto-porta e mettere a segno anche diverse reti. Un buon bottino visto che gioco come centrocampista centrale.»

Discorso Besenello.
«La stagione purtroppo non è partita benissimo. Mister nuovo, diversi innesti e nuove leve: la squadra ha avuto bisogno di tempo per trovare assetto e automatismi giusti.
Acquistati amalgama e fiducia all’interno del gruppo, siamo riusciti a svoltare e inanellare sei vittorie consecutive. Il Besenello rappresenta una seconda famiglia sportiva. Sono stato accolto sempre bene e per questo nutro molta riconoscenza. Peccato per la retrocessione. Proprio quella sfortunata stagione mi ha spinto a rimanere in Seconda Categoria, anche per sdebitarmi in qualche modo verso l’ambiente. La società è ottima e la pressione poca.»

Capitolo campionato.
«L’Isera è la favorita; Lizzana e Besenello un passo indietro, ma con la concreta possibilità di poter dire qualcosa di importante. Il San Rocco è invece la sorpresa della stagione. Motivazione e voglia di vincere saranno fondamentali per la seconda parte di stagione.
Il girone di ritorno è tutto un altro campionato, davvero un peccato essersi fermati nel nostro moneto migliore. La sfida d’apertura contro la capolista Lizzana sarà già decisiva. Dovremo farci trovare pronti.» - conclude il metronomo Marzio Piccinini

Scopri la rosa del Besenello

Girone A: la Classifica
Girone B: la Classifica
Girone C: la Classifica
Girone D: la Classifica

Sommario
29.01.2016: SSD Guaita Pietramurata
22.01.2016: Paganella
15.01.2016: Ischia
08.01.2016: Isera
02.01.2016: Stivo
26.12.2015: Ozolo Maddalene
18.12.2015: ASD Ortigaralefre
11.12.2015: Lizzana
04.12.2015: Ledrense
28.11.2015: FC Adige
21.11.2015: ASD Cauriol
14.11.2015: Avio Calcio
07.11.2015: SSD Bagolino
31.10.2015: Alta Anaunia
24.10.2015: Audace Caldonazzo
17.10.2015: Altipiani Calcio
10.10.2015: Alta Giudicarie

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,5 sec.

Inserire almeno 4 caratteri