Seconda Categoria
sabato 17 ottobre 2015
CALCIO
Focus sull'Altipiani Calcio, il pallone secondo i Cimbri
di Luca Andreazza

Vallarsa, Lizzana, Altipiani Calcio, Bolghera, Avio Calcio, Isera, San Rocco, Besenello, Vigolana, Sopramonte e Invicta Duomo. Il rosario del Girone B. Soprese. Vallarsa in testa a guidare il trenino, mentre il favoritissimo Isera imbottigliato nel traffico di punta del centro classifica. Non deludono le attese il Lizzana e l’Altipiani Calcio del presidentissimo Ivan Pergher, in sella dal 2005.
Dopo l’Alta Giudicarie la settimana scorsa, seconda fermata: Altipiani Calcio.

Presidente, come nasce il vostro sodalizio?
«La prima affiliazione alla F.I.G.C. risale al 1974 sotto il nome di A.C. Lavarone. Nel 1984 la società assume la denominazione attuale di Altipiani Calcio con lo scopo primario di raggruppare e  programmare tutte le discipline sportive dei Comuni di Folgaria, Lavarone e Luserna. Gli Altipiani sono infatti una polisportiva che comprende diverse discipline, quali sci nordico, sci alpino, tennis, mountain bike, volley e aeromodellismo».

Da quanto ricopre l’attuale carica?
«Da dieci anni ricopro contemporaneamente la carica di presidente della polisportiva e della sezione calcio. Non ho mai giocato a calcio o praticato sport, ma fin dalla maggiore età sono sempre stato attivo nell’ambiente del volontariato. Nella vita di tutti i giorni amministro invece gli impianti a fune di Folgaria Ski».

Settore giovanile?
«Schieriamo due squadre della categoria Pulcini le formazioni dei Piccoli Amici, Esordienti e Giovanissimi per un totale di 66 bambini. A questo aggiungiamo la Seconda Categoria guidata dall’allenatore figlio d’arte Carlo Ricca e il Calcio a 5 raggiungendo circa quota 105 tesserati».

Qualche vostro tesserato ha spiccato il volo verso categorie superiori?
«Tra le nostre fila abbiamo avuto diversi buoni giocatori, ma ricordo in particolare i fratelli Paolaz e Federico Piccinini. Quest’ultimo, classe 1997, dopo aver mosso i primi passi nel nostro settore giovanile, difende ora i colori del Levico Terme in Serie D dopo una parentesi dal 2011 al 2014 nell’Hellas Verona».

Collaborate con società limitrofe?
«Certamente, abbiamo un rapporto di amicizia con Leno e Besenello per condividere le formazioni Allievi e Juniores. Per l’organizzazione di allenamenti e amichevoli meritano un ringraziamento Alta Vallagarina e Vigolana».

Quale è l’identikit per giocatore nell’Altipiani Calcio?
«Il gruppo della Seconda Categoria è il medesimo dal 2008, salvo l’inserimento di qualche giovane. Dal 2005 abbiamo cambiato filosofia e non cerchiamo più giocatori dalle zone di Rovereto e Vallagarina. La Valle è di 100 kmq e comprende 30 frazioni. Per questo motivo preferiamo lasciare spazio a ragazzi dei nostri paesi e comuni. La società e gli appuntamenti sportivi sono un modo per aggregare la comunità e abbattere anacronistici campanilismi. Per questo motivo le nostre squadre giocano e si allenano dividendosi fra Folgaria e Lavarone».

Una Squadra a chilometri 0...
«Esattamente. I nostri tesserati non ricevono rimborsi. Inoltre abbiamo a disposizione sei pullman che durante la settimana e la domenica funzionano come uno scuolabus. Provvediamo infatti agli spostamenti di tutti i nostri tesserati per accompagnarli agli allenamenti, alle partite e alle trasferte».

Quali aspettative avete per il campionato?
«Il nostro desiderio è di restare nei quartieri nobili della classifica e qualificarsi ai playoff. Non inseguiamo la Prima Categoria a tutti i costi, in quanto tanti giocatori lavorano nel settore turistico e quindi non sempre si possono allenare con costanza».

Altipiani Calcio: la rosa
Girone B: la Classifica

Girone A: la Classifica
Girone C: la Classifica
Girone D: la Classifica

Sommario
10.10.2015 Alta Giudicarie

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,938 sec.

Inserire almeno 4 caratteri